Un orologio dirompente, che ha fatto parlare di sé fin dal suo lancio, esattamente 10 anni fa. Dapprima per la scelta assolutamente originale di proporre un orologio meccanico con indicazione digitale dell’ora e dei minuti, poi per l’interessante esplorazione nel campo delle complicazioni sonore. Quest’anno è la volta dello Zeitwerk Date, con l’utile indicazione della data a completare le ormai note funzioni dell’orologio.

Dieci anni fa il lancio di Zeitwerk apriva una nuova strada all’interno della collezione Lange, volutamente diversa seppure all’interno dei principi fondanti dell’orologeria meccanica e della grande storia della Manifattura sassone. La scelta era caduta su una visualizzazione moderna e originale del tempo, con indicazione a cifre saltanti dell’ora e dei minuti basata su un sistema a tre dischi, uno per le ore e due per i minuti; l’estrema precisione del passaggio da un minuto all’altro e da un’ora all’altra, risultato di una tecnica particolarmente accurata sviluppata dai tecnici della Manifattura di Glashütte, spiega l’origine della corretta denominazione di questo meccanismo: indicazione a cifre “saltanti esattamente”. Da questa scelta derivavano importanti sfide di carattere tecnico. La più evidente caratteristica dello Zeitwerk, per esempio, aveva richiesto ai progettisti Lange di soddisfare l’esigenza della quantità di energia necessaria per l’azionamento dei dischi: basti pensare al “grande salto” che avviene allo scoccare dell’ora, quando i 3 dischi avanzano contemporaneamente di un’unità. La soluzione fu individuata in un nuovo tipo di bariletto, con una potente molla di carica al suo interno; per la gestione ottimale dell’energia fu invece sviluppato un meccanismo tenditore brevettato, il quale agisce come un regolatore, assorbendo le forze generate nell’accelerazione e nella frenata dei dischi stessi e garantendo loro un avanzamento controllato.
Collocato tra il bariletto e il bilanciere, il meccanismo tenditore aveva inoltre il compito di contribuire alla stabilità di marcia fornendo al bilanciere un’energia uniforme per tutta la durata della carica. In pratica, questi erano i capisaldi del nuovo movimento a carica manuale calibro L043.1 realizzato da Lange nel 2009, rimasti assolutamente validi nei successivi sviluppi dell’orologio, che ha visto una straordinaria evoluzione in direzione delle complicazioni sonore; ricordiamo, in particolare, lo Zeitwerk Striking Time con suoneria a ore e quarti, 2011, lo Zeitwerk Minute Repeater, 2015, e lo Zeitwerk Decimal Strike, con suoneria delle ore e dei 10 minuti, 2017. Ritroviamo dunque le caratteristiche del movimento originario nel nuovo calibro L043.8 sviluppato per il lancio dello Zeitwerk Date, l’orologio con il quale quest’anno la Manifattura sassone ha …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA