Autore: Anna Rita Romani

Vacheron Constantin – L’eccellenza, tra astri e rintocchi sonori

Non rappresentano il volto più noto dell’orologeria, e sono così esclusivi che neppure ne tracciano le tendenze, ma la loro presenza è così importante da costituire dei punti di riferimento per tutti: costruttori, grandi collezionisti, semplici appassionati. Sono l’espressione moderna degli orologi commissionati dapprima ai vecchi cabinotiers e poi alle grandi Maison da facoltosi personaggi i cui nomi, proprio in virtù di questa passione per l’eccellenza e le grandi complicazioni, sono entrati ormai stabilmente nelle pagine della storia dell’orologeria: dallo Zar Alessandro II al banchiere newyorkese Henry Graves Jr., dall’imprenditore James Ward Packard a personaggi di sangue reale come...

Read More

Chanel – Uno stile unico

Non è la prima volta che l’orologeria di Chanel affida a una camelia contenuti di alta tecnica orologiera. Era accaduto già nel 2012, per esempio, con il Première Flying Tourbillon, dove il fiore preferito di Mademoiselle roteava elegantemente sul quadrante conferendo alla gabbia del tourbillon un aspetto originale ed elegantissimo. Ma questa volta è diverso, per tanti motivi. In primo luogo nel Première Camélia Squelette il fiore dà forma all’intero movimento, facendo dei suoi petali i ponti che ne sorreggono l’elegante e originale architettura ben visibile attraverso la perfetta trasparenza dei due vetri in cristallo di zaffiro sul lato...

Read More

Christophe Claret – La parola alla meccanica

In oltre 20 anni di attività non sono mancate le occasioni per sottolineare il legame profondo della Manifattura di Christophe Claret con la grande tradizione orologiera svizzera: quella tradizione incontrata per la prima volta a 14 anni durante una visita a un orologiaio-riparatore, poi diventata progetto di vita presso l’Ecole d’Horlogerie di Ginevra, dove Christophe Claret si diploma a soli 20 anni. Alla formazione scolastica segue la formazione pratica presso l’atelier di Roger Dubuis, che introduce il giovane orologiaio nei segreti del restauro e nei misteri delle complicazioni: un percorso assolutamente lineare, che lo porta ad aprire nella sua...

Read More

Ulysse Nardin – Innovision 2

L’innovazione è l’idea centrale della filosofia di Ulysse Nardin: di quella passata e soprattutto di quella recente, costruita sulle solide basi di quel patrimonio straordinario di eccellenza tecnica e di genialità creativa legato al nome di Ludwig Oechslin e datato a partire dagli anni ‘80 del ventesimo secolo. Gli anni, per intenderci, nei quali la Manifattura di Le Locle incantò il mondo dell’orologeria, e non solo, con la sua celebre Trilogia del Tempo – Astrolabium Galileo Galilei (1985), Planetarium Nicolaus Copernicus (1988) e Tellurium Johannes Kepler (1992) –, seguita a breve distanza da un altrettanto straordinario Perpetual Ludwig (1996)....

Read More

Vacheron Constantin – L’attualità di un classico

Un calendario retrogrado di ottima leggibilità e una discreta ma chiara indicazione delle fasi e dell’età della luna: sono le funzioni offerte da uno dei nuovi modelli Patrimony di Vacheron Constantin presentato nel mese di gennaio durante il Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra. L’estetica di questo orologio presenta elementi che tranquillamente possiamo definire “familiari”: il suo calendario retrogrado, per esempio, disposto ad arco nella parte superiore del quadrante, tra le ore 9 e le ore 3, è praticamente identico a quello che avevamo già apprezzato nel Patrimony Biretrogrado Giorno e Data, la cui unica differenza consiste nell’indicazione dei...

Read More

A. Lange & Söhne – Zeitwerk Decimal Strike

E’ passato solo qualche anno dal lancio del primo Zeitwerk di A. Lange & Söhne, ma sufficiente per dare il via a una nuova famiglia di orologi che non solo ha trovato uno spazio ben definito all’interno della collezione della Manifattura sassone ma che si è anche distinta per uno stile e un approccio completamente diverso con l’arte della meccanica orologiera. Tanto che, attualmente, le diverse espressioni dello Zeitwerk rappresentano il volto più innovativo della collezione Lange, con l’idea rivoluzionaria e mai abbandonata dell’incontro tra un orologio meccanico e l’indicazione digitale delle ore e dei minuti! Vuoi continuare a...

Read More

Cartier – Rotonde de Cartier Heure Mystérieuse Squelette

Con il nuovo Rotonde de Cartier Heure Mystérieuse Squelette la Maison Cartier dà forma, ancora una volta, a quella straordinaria tradizione avviata oltre un secolo fa con la Pendola Misteriosa Modèle A, primo esemplare di una collezione che ha avuto un grande successo sia tra i clienti affezionati del marchio sia come “genere” tra i più sofisticati dell’orologeria di tutti i tempi. Del resto, come si fa a non restare incantati davanti a esemplari di assoluta eleganza – con gli spettacolari quadranti in cristallo di rocca, le lancette in metallo prezioso e diamanti, i basamenti in pietra dura –...

Read More

BULGARI – MOVIMENTO A VISTA

La collezione Octo Finissimo è stata, e rimane, uno dei capisaldi nella storia dell’orologeria Bulgari. Ne abbiamo seguito il lancio nel 2014 quando, nella cornice internazionale di Baselworld, venivano presentati i due modelli Octo Finissimo e Octo Finissimo Tourbillon che, tra motivazioni stilistiche e spessori da record, rappresentarono una svolta fondamentale nel dimostrare le capacità manifatturiere della Maison, segnando altresì il coronamento del lungo percorso di verticalizzazione, compiuto dalla marca a partire dal 2000, che ha portato la stessa a una straordinaria indipendenza produttiva riguardante l’intero processo di costruzione degli orologi: dal design allo sviluppo tecnico, dalla realizzazione della...

Read More

TUDOR – PELAGOS LHD

Novità davvero interessante nella linea Pelagos di Tudor: è il Pelagos LHD. Acronimo di Left Hand Drive, “carica con la mano sinistra”, questa semplice sigla sta a indicare che si tratta di un orologio per mancini, con la corona posizionata sul lato sinistro della cassa e concepito appositamente per essere indossato sul polso destro. Come ben sanno gli appassionati, quello dei modelli per mancini è un “genere” noto in orologeria, sebbene non molto diffuso in termini di offerta concreta da parte delle Case. Tanto è vero che uno degli escamotage utilizzati dai subacquei mancini è stato quello di indossare...

Read More

PATEK PHILIPPE – RECORD DI COMPLICAZIONI

Fin dal lancio del Grandmaster Chime, top di gamma di una serie di modelli commemorativi con i quali la Manifattura ginevrina ha festeggiato nel 2014 i 175 anni dalla sua fondazione, era stato annunciato che il suo eccezionale movimento sarebbe stato impiegato per una produzione di “serie” successiva alla piccolissima serie commemorativa. All’epoca, infatti, il Grandmaster Chime era stato prodotto in 7 esemplari – 6 dei quali destinati ad altrettanti fortunati collezionisti Patek Philippe e uno destinato al Patek Philippe Museum – e sarebbe stato davvero singolare non dare seguito a una creazione, costata anni e anni di ricerca...

Read More

SCHWARZ ETIENNE – TECNICA MAGISTRALE

Nel 2016 il lancio del Roswell Voyage e del Flying Tourbillon: due orologi di fronte ai quali anche gli osservatori più distratti hanno dovuto fare una pausa, prima di osservazione e poi di riflessione, dedicando un po’ del loro tempo alla scoperta dei pregi tecnici ed estetici dei due movimenti ISE 101.01 e TSE 121.00. Un tempo speso bene, perché sicuramente ha regalato loro due visioni diverse del movimento “irreversible” di Schwarz Etienne: in pratica un movimento rovesciato, in modo da poter mostrare i suoi componenti principali sul lato quadrante; e una visione filosofica dell’orologeria, nella quale la tecnica...

Read More

Audemars Piguet – Royal Oak Frosted Gold

Dalle donne per le donne. La storia del Royal Oak da donna, iniziata nel 1976 con Jacqueline Dimier, all’epoca responsabile del Design della Maison di Le Brassus, si affida oggi alla creatività di Carolina Bucci, designer fiorentina di gioielli autrice del Royal Oak Frosted Gold. E senza timore di esagerare, possiamo da subito affermare che il nuovo orologio resta quell’icona del design che ha rivoluzionato completamente l’idea di orologio di lusso prima con l’originale disegnato da Gérald Genta nel 1972 e poi con la sua reinterpretazione al femminile di Jacqueline Dimier, di soli quattro anni dopo; ma, al tempo...

Read More