Autore: Paola Pujia

DUECENTOCINQUANTACINQUE

Che dire, ancora numeri? Si, ma sono numeri interessanti e importanti. Infatti duecentocinquantacinque sono le foto di prodotto relative ai cinquantasei marchi presenti nel reportage di Baselworld 2018. E alcuni di questi sono oggetto di specifici articoli già sul prossimo fascicolo di OROLOGI, al quale naturalmente stiamo lavorando. Senza dimenticare che la nostra cover story e l’immediatamente successivo articolo di tecnica si riferiscono a una novità che Chanel ha presentato proprio a Basilea! Ma questo vale anche per gli orologi oggetto dell’articolo Rolex, quindi non sono solo duecentocinquantacinque le novità di cui vi parliamo in questo numero, che, come sempre quando si tratta dei fascicoli successivi alle due manifestazioni del settore delle lancette, ovvero il SIHH di Ginevra e appunto la Fiera di Basilea, impegnano in modo direi…. particolare tutta la redazione e tutti coloro che a titolo diverso partecipano alla loro realizzazione. E non è completamente casuale il riferimento al Salone Internazionale dell’Alta Orologeria perché tra gli argomenti che abbiamo scelto per questo numero di OROLOGI potete trovare anche novità presentate a gennaio a Ginevra, come per esempio la bellissima collezione Les Aérostiers di Vacheron Constantin o il Différentiel d’Égalité di Greubel Forsey proposto quest’anno nella sua realizzazione definitiva. Ma, e come sempre, non posso andare oltre per non togliervi il piacere della scoperta sfogliando OROLOGI, la nostra passione!...

Read More

IL RISCHIO DELLA RIPETIZIONE

Un rischio nel quale incorro spessissimo nel raccontarvi i prodotti di cui vi parliamo in ogni fascicolo della nostra rivista ma… il punto è che sono talmente innamorata degli orologi che scelgo di proporvi che non posso fare a meno di dirvi che… sono meravigliosi, o particolarissimi, o veramente speciali! E naturalmente è così anche per i modelli di cui vi parliamo nel fascicolo che state sfogliando: sono meravigliosi, eccezionali, veramente speciali e particolari il MoonMachine 2 di MB&F, o L’Astronomo e Lo Scienziato di Panerai, o la collezione Da Vinci tutta al femminile che ha contribuito a celebrare i 150 anni di IWC, o l’UR-105 CT Streamliner, modello anche lui destinato a sottolineare un momento importante per la Urwerk, ovvero i venti anni trascorsi da quando Martin Frei e Felix Baumgartner decisero di dare vita a questo Brand. E anche se potrei citarvi almeno sette nomi e i relativi interessantissimi prodotti, mi fermo, come sempre, proprio per non togliervi il piacere della scoperta. E ne approfitto per darvi appuntamento al prossimo fascicolo, quello in edicola tra un mese e quindi nella seconda metà del mese di maggio, perché, oltre a un interessantissimo articolo relativo all’orologio che sarà oggetto della copertina e a un altrettanto interessante articolo tecnico relativo al movimento che lo anima, troverete ben trentasei pagine che vi racconteranno quanto di bello e, mi ripeto…, di interessante...

Read More

INCONTRI: NADIA BELIA TITOLARE PAGANA ATELIER PERUGIA

D. Prima di tutto le chiedo di raccontarci la sua storia professionale. R. La mia esperienza nel campo della gioielleria e dell’orologeria ha inizio nel 1989, tanti anni fa, in un piccolo negozio nel centro di Perugia. Essendo gemmologa, il mio intento principale è stato da sempre quello di creare gioielli unici, non solo per la forma ma anche per l’utilizzo di materiali e pietre. Alla base del mio lavoro, oltre alla passione e alla dedizione, vi è sempre stata la ricerca di pietre e idee innovative andando alle fiere nazionali e internazionali, riuscendo a realizzare gioielli fuori dagli...

Read More

SEDICI E SESSANTOTTO, DICIASSETTE E QUARANTOTTO, VENTOTTO E SESSANTA

In realtà, in questo periodo dell’anno può proprio sembrare che io… stia dando i numeri. Ed è vero, sto dando i numeri ma quelli relativi a quanto vi raccontiamo in questo fascicolo in merito alle anticipazioni di Baselworld 2018, che prevedono 28 marchi e 60 fotografie di novità a quelli collegate, e al reportage del Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra, con 16 marchi e relative 68 foto, e del Carré des Horlogers, con 17 marchi e 48 foto, sempre, e me lo auguro, che io abbia fatto bene i conti… Devo segnalare una cosa molto importante: non stupitevi se nel reportage del SIHH non trovate due nomi importantissimi, ovvero IWC e Jaeger-LeCoultre, ma c’è una spiegazione. La novità presentata da Jaeger-LeCoultre è la collezione Polaris, oggetto della nostra cover story, così come la collezione che celebra i 150 anni di IWC è oggetto di un articolo. Quindi è innegabile che ci siamo dati molto da fare per proporvi un gran numero di prodotti nuovi, naturalmente con il fortissimo supporto delle Case. Ovviamente, questo fascicolo prevede una serie di altri articoli, tutti brand di altissimo livello, che però non vi elenco perché, come di consueto, non voglio togliervi la sorpresa, anche se, e non mi voglio ripetere, ne avrete tantissime sfogliando questo fascicolo di OROLOGI, la nostra...

Read More

TANTE SORPRESE

Quelle che potete avere sfogliando questo fascicolo di OROLOGI. Naturalmente il riferimento va a tutti gli articoli di prodotto, a partire dalla nostra cover story relativaa un bellissimo orologio firmato Bovet 1822, e poi ancora vi parliamo di tantissimi nomi tutti di alto livello, ma potete trovare anche il “diario” di una visita alla manifattura di Chanel e di Romain Gauthier firmato Simonpietro Carraro, ma, e innegabilmente, le pagine che sicuramente destano la maggiore curiosità sono quelle relative alle anticipazioni della ventottesima edizione del Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra, che si svolge dal 15 al 19 gennaio. Naturalmente abbiamo potuto pubblicare quello che le Case presenti ci hanno voluto anticipare ma nelle 12 pagine relative a questa anteprima trovate le novità proposte da 16 Maison e quindi 38 foto di prodotti assolutamente nuovi! E mentre voi sfogliate, sono certa “avidamente”, questo fascicolo, noi siamo proprio a Ginevra per il SIHH, conquistati quindi dal fascino dei prodotti proposti dalle Case presenti al Salone e al Carré des Horlogers, ma dovete aspettare il prossimo numero per poter avere un reportage assolutamente esaustivo di questa interessantissima manifestazione ginevrina. Ma in quel fascicolo troverete anche le anticipazioni della Fiera di Basilea, che si tiene a marzo, esattamente dal 22 al 27 marzo. Un fascicolo, quindi, molto interessante e in grado di suscitare molto interesse, quello che, comunque, sono certa provate sempre sfogliando...

Read More

DICEMBRE

Un mese bellissimo. Ci porta a considerare il meglio dell’anno appena trascorso, ci rallegra grazie a una data importante come il 25 dicembre, ci spinge a fare i progetti più belli per l’anno nuovo. Bisogna riconoscere che spesso durante questo mese le condizioni meteorologiche non sono proprio ottimali ma… si sa, siamo in pieno inverno! Già dalla fine di novembre cominciamo a “respirare” il Natale, le strade delle nostre città sono già arricchite dalle decorazioni, le vetrine dei negozi ci attirano con oggetti del desiderio immersi nell’atmosfera che ci regalano le decorazioni tipiche dell’Albero di Natale; e tutti noi siamo già lì a pensare quale oggetto può essere il più desiderato da chi ci sta vicino, che si tratti di bambini ma anche di adulti: e qui diventa molto utile il fascicolo che state sfogliando perché sono molti gli eventuali suggerimenti per un appassionato di orologeria, e potete andare dall’altissimo di gamma fino a nomi sempre molto interessanti ma in una fascia di prezzo più facilmente compatibile con le attuali possibilità di molti di noi. Quindi, il consiglio è… sfogliate, leggete e scegliete! Mentre vi faccio i miei migliori auguri per le feste di fine anno, vi dico che il prossimo numero di OROLOGI Le Misure del Tempo sarà in edicola il 15 gennaio, ovvero il giorno in cui apre i battenti la ventottesima edizione del SIHH, il Salone...

Read More

Editoriale – UN NOME CHE E’ UNA GARANZIA

E un orologio che è un po’ fuori dagli schemi più tradizionali di quel nome. Il nome al quale mi riferisco è Rolex, e l’orologio è il Cellini Moonphase, oggetto della nostra cover story. Cosa intendo quando dico che l’orologio “è un po’ fuori dagli schemi più tradizionali di quel nome”? Non si può negare che quando si pensa a Rolex si pensa a Oyster, alla collezione sportiva che prevede orologi che sono entrati nella leggenda: un nome per tutti, Daytona! Se guardo il Cellini Moonphase vedo un orologio, come tutti quelli che appartengono a questa collezione, con caratteristiche molto diverse, ovviamente sempre rispondenti alla qualità “intransigente” prevista per tutta la produzione della Casa: non linee sportive ma assolutamente classiche. Devo confessare che quando ho visto il Cellini Moonphase durante la presentazione delle novità Rolex in occasione della scorsa edizione di Baselworld, ho perso letteralmente la testa e, lo confesso, me ne sono perdutamente innamorata. Questo ovviamente non significa che non mi piacciano, tanto da desiderarli tutti, molti altri orologi oggetto degli articoli che trovate in questo fascicolo: i nuovi cronografi di Patek Philippe o il Tri-Axial Planetarium di Girard-Perregaux, o le nuove versioni del Boy Friend di Chanel o ancora, altro prodotto che mi ha fatto veramente “girare la testa” quando mi è stato presentato a Basilea, il Bubble 47 Disconnected di Corum. E poi come non ricordare...

Read More

AGOSTO E SETTEMBRE

Ovvero, il tempo delle tanto sospirate vacanze e il tempo del rientro e della “riassunzione” di tutti gli impegni. Secondo una visione molto romantica di questi due momenti della vita, durante le vacanze non indosso l’orologio, evidentemente perché vorrei che il tempo si fermasse e purtroppo non ho ancora “incontrato” uno strumento da indossare al polso capace di farlo; tutto ritorna alla normalità l’1 settembre, gli impegni professionali, i viaggi di lavoro, la mia vita di sempre… Quanto sopra non vuol dire, però, che ad agosto la mia passione per gli orologi si smorzi o, addirittura, si interrompa, anzi… proprio perché ho molto tempo a disposizione la coltivo ancora di più, e spero che questo sia anche il vostro atteggiamento: avete la possibilità di godervi un nuovo fascicolo di OROLOGI proprio a partire dall’inizio di agosto, fascicolo denso di argomenti, a mio avviso, molto affascinanti. Vuoi continuare a leggere questo articolo? Acquista subito online la tua copia digitale della...

Read More

Editoriale – Una garanzia che vale quasi una vita

Naturalmente mi sto riferendo alla garanzia del Luminor 1950 CarbotechTM 3 Days LABID, orologio che Officine Panerai garantisce per 50 anni. E questa a mio parere è la più grande e migliore dimostrazione della fiducia che la Casa ripone su questo eccezionale prodotto, tanto eccezionale da essere realizzato in 50 esemplari e a un prezzo, sempre a mio parere assolutamente competitivo, pari a 50.000,00 euro. Come dire, è il 50 che ritorna? Non mi resta che suggerirvi di godervi le pagine dedicate a questo orologio, che è oggetto della nostra cover story, e alla piacevolissima conversazione che ho avuto il piacere di scambiare con Angelo Bonati, che per altro quest’anno festeggia 20 anni di OFFICINE PANERAI, della quale è a capo fin dall’acquisto del brand da parte del Gruppo Richemont, acquisto avvenuto appunto nel 1997. Ma, e come d’abitudine, non posso dimenticare gli altri argomenti che trattiamo in queste pagine: un altro riferimento a 20 anni ovvero l’Aquanaut di Patek Philippe che li compie quest’anno, o i nuovi Yacht Master di Rolex, o l’HM7 Aquapod di MB&F, o la “riedizione” del Cairelli di Zenith, o Coco Chanel che decide di essere al centro del quadrante dei J12 prendendo addirittura il posto delle lancette indicando l’ora con le sue braccia. E potrei andare avanti ancora tanto visto che sul fascicolo che state sfogliando gli articoli di prodotto sono 17, passando...

Read More

A colloquio con Candido Operti

D. Candido, per prima cosa le chiedo di raccontarci la storia di questa attività di famiglia che, se non vado errata, è iniziata ben oltre 100 anni fa grazie a suo nonno. R. Per l’esattezza gli anni sono 114. E’ stato infatti nel 1903 che nonno Candido, abilissimo artigiano orologiaio, ha aperto la sua prima bottega a Cagliari. Mio padre e mio zio hanno continuato l’attività, sviluppandola con notevole lungimiranza, diventando concessionari nel settore dell’orologeria alto di gamma ed estendendola anche alla gioielleria di prestigio. Poi il testimone è passato a me e ora la quarta generazione – le...

Read More

Editoriale – Trentacinque, sessantasei, duecentodiciotto

Come sempre, in questo momento dell’anno, con i numeri del titolo mi riferisco all’impegno relativo al reportage della scorsa edizione della Fiera di Basilea, nota ormai come Baselworld. Un impegno che voglio sottolineare e che riguarda tutti, sia i redattori sia chi ha dovuto mettere tutto quel materiale in pagina, e anche me che comunque mi sono letta sessantasei marchi e ho controllato le relative duecentodiciotto foto. Ma sono certa che tutti voi apprezzerete questo impegno, leggendo i testi e guardando le foto… Naturalmente, e come sempre, non posso dimenticare e non sottolineare gli altri contenuti di questo fascicolo, cominciando dalla nostra cover story che riguarda un orologio bellissimo, un orologio creato da Chanel intorno al Calibro 2, quindi il secondo movimento di manifattura completamente realizzato in house, ma questa volta dedicato al mondo femminile, così le signore potranno scegliere un modello pensato esclusivamente per loro, a partire dal movimento e dalla cassa scelta per “abbracciare” quel movimento, con l’aggiunta, di non poco conto, che è possibile scegliere anche versioni che prevedono l’impreziosimento del Calibro 2 grazie all’incastonatura di pietre preziose non solo sulla cassa ma anche, appunto, sul movimento. E a seguire la cover story, vista l’importanza di questo calibro, trovate anche una attenta disamina tecnica dello stesso. E poi, come dimenticare lo Speedmaster di Omega, orologio che quest’anno compie sessanta anni! Ma, e come sempre, non voglio...

Read More

Editoriale – Tante novità

Quelle che vi proponiamo in questo fascicolo, anche se dovete avere un po’ di pazienza e attendere il numero di maggio, il 308, in edicola intorno al 20 maggio, per conoscere quanto è stato presentato a Baselworld 2017, la Fiera di Basilea che quest’anno ha compiuto cento anni! Ma, e non posso non sottolinearlo visto l’impegno delle Case e di tutti noi della redazione, moltissimi prodotti dei quali vi parliamo sono novità della scorsa edizione del Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra, Carré des Horlogers compreso. A partire dalla nostra cover story relativa a una meraviglia firmata Cartier, e progettata da una donna eccezionale quale è Carole Forestier-Kasapi e dal suo team; e potrei elencare tutti i brand, e i relativi prodotti, come A. Lange & Söhne, o Vacheron Constantin, o Ulysse Nardin, ma penso che sia più giusto che facciate voi questa scoperta, passando da una pagina all’altra di questo fascicolo, rammentando, però, che siamo arrivati al numero 307… Non male… anche se non è molto elegante che sia proprio io a sottolinearlo! Ma lasciatemi ricordare che quest’anno, con il numero 305, il primo del 2017, la nostra testata ha superato i trent’anni di vita, una gran bella esperienza vissuta anche grazie al vostro interesse e, quindi, al vostro sostegno. Interesse e sostegno che certamente non ci mancheranno neanche in questa occasione e quindi vi lascio al piacere...

Read More
  • 1
  • 2