Sono gli orologi che vanno ad ampliare la prestigiosa collezione creata da Baume & Mercier: sono tutti modelli caratterizzati da un design raffinato, curato in ogni dettaglio, e da contenuti tecnici di alto livello.

In occasione del Salon International de la Haute Horlogerie Baume & Mercier ha presentato uno straordinario esemplare che va ad arricchire la collezione Clifton: il Baumatic Calendario Perpetuo, in una nuova interpretazione che associa questo tipo di funzione alla versione BM13 del movimento Baumatic. Negli ultimi anni la Casa ha proposto numerosi modelli che rivisitano le più emblematiche complicazioni: tra questi, nel 2013 il Clifton 1830 Manuale, nel 2014 il Clifton 1892 Tourbillon Volante e il Clifton Riserva di Carica 8 giorni 185 anni e nel 2015 il Clifton Pocket Watch Ripetizione Minuti 185 anni. A questi orologi si aggiunge il nuovo modello, destinato a conquistare gli appassionati di orologeria, che indica la data, il giorno della settimana, il mese e le fasi lunari, tenendo conto automaticamente della lunghezza variabile dei mesi e del ciclo degli anni bisestili e che non richiede alcuna correzione della data prima dell’1/03/2100. Diretta espressione di una lunga e prestigiosa tradizione, il Clifton Baumatic Calendario Perpetuo rappresenta, al tempo stesso, la capacità della Maison di rinnovarsi. Da sempre alla costante ricerca di soluzioni tecniche all’avanguardia, Baume & Mercier nel lontano 1840 è stata la prima Casa a introdurre nel Giura il calibro Lépine, che ha rivoluzionato l’affidabilità e la resistenza degli orologi, decretando il successo del marchio, anche grazie alla creazione di cronografi e di segnatempo con grandi complicazioni, quali le ripetizioni minuti, i calendari e i tourbillon. Questa straordinaria produzione è valsa alla Maison anche numerosi riconoscimenti, come la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Melbourne nel 1880 e a Londra nel 1885 e un premio a Chicago nel 1893. Altra data importante è il 1892, anno in cui Baume & Mercier partecipa al concorso di cronometria dell’Osservatorio di Kew, in Inghilterra, e batte tutti i record di precisione con un cronometro da tasca con sistema di carica senza chiave, il cui movimento era regolato da un tourbillon e che per ben 10 anni è rimasto il segnatempo più…

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA