Foto di Breitling

Breitling, marchio fortemente legato al mondo dell’aviazione, lancia un nuovo modello che va ad arricchire la straordinaria collezione di orologi da pilota Navitimer 8, il Navitimer 8 Automatic 41. Disponibile in diverse versioni, questo esemplare è, ancora una volta, rappresentativo della lunga tradizione produttiva della Casa che, da sempre, crea segnatempo innovativi, precisi, affidabili e dal design di grande impatto. Su orologi.it presentiamo nel dettaglio i nuovi modelli Navitimer 8 Automatic 41, disponibili con cassa in acciaio o in acciaio black IP, con quadranti blu o neri e abbinati a bracciali in acciaio o a cinturini in pelle.

Il nome della collezione Navitimer 8 si riferisce all’Huit Aviation Department, fondato verso la fine degli anni ‘30 del secolo scorso per la produzione di strumenti per le cabine di pilotaggio e di orologi da pilota che erano in grado di garantire ben otto giorni di riserva di carica e, da qui, il nome “Huit”, in francese, appunto, “otto”.

I nuovi modelli rappresentano, dunque, la tradizione che prosegue, un ponte tra il passato e il presente che si esprime attraverso contenuti tecnici di prima qualità e attraverso un design, curato nei minimi dettagli, in grado di vantare un alto valore di riconoscibilità e di essere in linea con la visione del futuro del marchio e, al tempo stesso, di essere all’altezza dei grandi orologi creati da Breitling nella prima metà del ventesimo secolo.

Diretto discendente, in particolare, dei leggendari segnatempo prodotti dal marchio negli anni ‘30 e ‘40, caratterizzati da leggibilità e funzionalità ottimali, il nuovo Navitimer 8 Automatic 41, grintoso e massiccio, presenta una cassa del diametro di 41 millimetri realizzata in acciaio e un profilo, dello spessore di 10,74 millimetri, dalle anse ben squadrate e con la corona a vite, dotata di due guarnizioni, scanalata e personalizzata con il logo della Casa.

Vuoi continuare a leggere l’articolo BREITLING: OROLOGI LEGGENDARI?Abbonati a Orologi.it!
ACQUISTA ONLINE LA TUA COPIA DIGITALE DELLA RIVISTA