Foto di Studio Immagineria

Uno sguardo alle creazioni più esclusive dell’orologeria Bulgari dedicata all’universo femminile ci svela uno scenario particolarmente interessante nel quale la tecnica e l’estetica rappresentano più che mai i due volti di un unico progetto creativo. Su Orologi.it un approfondimento sui nuovissimi Diva Finissima Ripetizione Minuti e Divas’ Dream Phoenix Tourbillon, protagonisti della collezione femminile 2018, accompagnati da due interviste, rispettivamente al CEO della marca Jean-Christophe Babin e al Direttore Generale Business Unit Orologi Bulgari Guido Terreni.

Negli ultimi anni lo sviluppo dell’orologeria Bulgari è stato così travolgente da portarci a focalizzare la nostra attenzione sulla tecnica e spesso su questioni assolutamente e letteralmente millimetriche. Non a caso, perché la ricerca del brand ha compiuto una vera rivoluzione proprio sul terreno della sottigliezza estrema, raggiungendo l’obiettivo di ben quattro record del mondo in circa 5 anni: nel 2014 con l’Octo Finissimo Tourbillon, manuale; nel 2016 con l’Octo Finissimo Ripetizione Minuti; nel 2017 con l’Octo Finissimo Automatico e quest’anno con l’Octo Finissimo Tourbillon Automatico.

Quattro record che rappresentano una scommessa vinta del progetto manifatturiero di Bulgari e una grande prova di impegno e serietà nella ricerca tecnica propriamente detta: due condizioni che oggi ci appaiono come le premesse necessarie dello status attuale del brand, non solo pienamente legittimato in orologeria, ma assolutamente all’avanguardia nel settore.

Il merito sta in ciò che abbiamo appena sottolineato, certo, ma anche nella capacità della Maison di non perdere mai di vista le proprie radici, che sono saldamente fissate nel mondo dell’eleganza, del design, della gioielleria. Per restare ancorati ai contenuti che conosciamo meglio, è sotto gli occhi di tutti che i movimenti ultrapiatti Finissimo rappresentano le ragioni necessarie, ma non sufficienti, del successo della collezione: la rivoluzione di Bulgari in questo campo non è solo quella dei numeri che traducono spessori mai visti prima, ma è una rivoluzione ben più profonda, che ha completamente ignorato lo stile tradizionale dell’orologio ultrapiatto reinventandolo completamente alla luce della propria visione del design, in una prospettiva inedita e contemporanea.

Vuoi continuare a leggere l’articolo BULGARI: LA RICERCA DELL’ECCELLENZA?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA TUA COPIA DIGITALE DELLA RIVISTA