Anche quest’anno il boy·friend è stato al centro delle strategie di Chanel, interpretando sia le esigenze dell’alta orologeria della Maison quanto le sue espressioni legate alla moda e al mondo di mademoiselle.

Fin dal suo esordio, il Boy·Friend è riuscito ad incarnare, insieme, la novità e la storia di Chanel. Anzi, forse l’aspetto più innovativo di questo orologio consiste proprio nella sua capacità di mixare e reintepretare gli aspetti più iconici della tradizione Chanel. Ad iniziare dalla forma della cassa, inconfondibilmente ispirata a quella di Place Vendôme, culla e simbolo dell’alta gioielleria parigina frequentata quotidianamente da Coco Chanel negli anni della sua maturità, disposta come è a pochi isolati d Rue Cambon, ma anche sede dell’Hotel Ritz, scelto dalla stilista come sua seconda casa. Con l’originale pianta ottagonale, la celebre piazza aveva già ispirato il flacone del mitico profumo N° 5 e, nel 1987, anno d’esordio della Maison in orologeria, la forma della cassa Première. Elegante e raffinata, quella forma è entrata così nel vocabolario stilistico di Chanel fino a delinearne una personalità e una presenza inconfondibili; ma se Première è femminilità pura, Boy·Friend è quella stessa geometria interpretata in profondità e con spirito contemporaneo, caratterizzata da linee più decise che sfumano verso uno stile quasi maschile, sicuramente unisex. E qui si entra nel carattere di Boy·Friend, quasi nel suo lato più profondo e personale, ovvero nella capacità di Mademoiselle di giocare con il guardaroba maschile e di carpirne alcune caratteristiche a vantaggio di una moda più comoda e quotidiana, dunque proprio per questo rivoluzionaria! Dietro allo stesso nome Boy·Friend si cela, ma non troppo, il riferimento ad Arthur Capel, grande amore di Mademoiselle soprannominato Boy; l’elemento maschile è dunque il terreno d’elezione di un orologio che è comunque pensato per le donne, e che, proprio in questa sua ambiguità, rivela i lati più affascinanti e innovativi dello stile Chanel. Per questi stessi motivi, i legami con la moda Chanel si fanno più stretti e appaiono decisamente naturali. E’ il caso del motivo Tweed proposto nei modelli 2019 (ma già introdotto in precedenza come lavorazione sul bracciale in metallo), che richiama esplicitamente la trama del famoso tessuto utilizzato nelle giacche e nei tailleur della Maison.
Nella collezione 2019 troviamo dunque due modelli Boy·Friend con cinturino realizzato in tessuto tweed abbinato a pelle e corredato di una classica fibbia ad ardiglione in metallo; morbido e luminoso, rappresenta una bella sintesi tra l’idea dell’eleganza propria di Chanel e un assoluto comfort al polso. Entrambi i modelli si presentano…

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA