Foto di Dario Tassa

Dopo essersi pienamente affermati come icone di stile del 21° secolo, i J12 di Chanel continuano a proporre interessanti sperimentazioni estetiche sulle solide radici di un design senza tempo e di un materiale – la ceramica high-tech – che la Maison francese ha contribuito in maniera significativa a far entrare nel vocabolario orologiero contemporaneo. Su Orologi.it un approfondimento sulle diverse linee introdotte nel 2018: i J12 Untitled in ceramica bianca o nera, i J12 Collector in ceramica bianca e quadrante in madreperla e diamanti, fino all’esclusivo set di 12 esemplari unici in ceramica e oro.

Sono tanti i motivi che fanno del J12 uno dei temi privilegiati dell’universo orologiero di Chanel. Tra tutti, il legame speciale che lega la storia di questo modello alla ceramica high-tech, apprezzata da tempo per le sue caratteristiche tecniche, trasformata in materiale prezioso, elegantemente interpretata nelle nuance del nero e del bianco e infine introdotta in diverse collezioni della Maison.

Negli anni, la nuova linea è stata lanciata nel 2000, il J12 ha rappresentato il volto più giovane e sportivo di Chanel, aprendo l’orologeria del brand a un pubblico nuovo e contribuendo, in tal senso, al suo successo nel campo delle lancette. Ma ne ha anche interpretato il carattere più versatile, declinandosi in diverse misure di cassa, tra le quali la deliziosa misura di 19 millimetri dei J12 XS, e presentandosi con elementi di design innovativi e originali: a tal proposito, e limitandoci alle espressioni più recenti, molti ricorderanno i J12 Graffiti dello scorso anno, ispirati alla street art, con i numeri delle ore scivolati in ordine sparso sul quadrante e sulla lunetta; ebbene, i nuovi J12 Untitled, novità di Baselworld 2018 di cui parliamo più diffusamente nelle pagine che seguono, nascono da un’ispirazione analoga, fondata sull’estetica creativa delle cifre da 1 a 12.

Vuoi continuare a leggere l’articolo CHANEL: I NUOVI J12?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA TUA COPIA DIGITALE DELLA RIVISTA