50 anni fa, con il lancio del primo orologio al mondo con cassa in titanio, Citizen cominciava la sua personale ricerca tecnologica su questo metallo, apprezzato per la leggerezza, la resistenza alla corrosione, l’ipoallergenicità: una ricerca che attraverso una serie di brevetti ha portato nel 2000 alla presentazione del primo segnatempo in Super Titanio®, mentre in un prossimo futuro si concretizzerà in un ambizioso progetto lunare.

di Cesare Ruotolo

Estraneo a fenomeni di ruggine e corrosione e cinque volte più resistente agli urti rispetto all’acciaio inossidabile e allo stesso titanio, nonché più leggero dell’acciaio di circa il 40%, il Super Titanio® è frutto di una ricerca che inizia nel 1970, quando Citizen presenta una variante a suo modo rivoluzionaria del Cronometro X8 – che già a metà anni Sessanta aveva spianato la strada ai segnatempo elettronici in Giappone -, ovvero il primo orologio al mondo con cassa completamente in titanio. Le difficoltà incontrate nel trasformare questo metallo, leggero, resistente, ipoallergenico e dunque particolarmente adatto all’orologeria ma malleabile e plasmabile solo ad altissime temperature, renderanno infatti necessari degli studi specifici che nel tempo porteranno alla realizzazione di macchinari in grado di controllare sempre meglio la sua lavorazione. Attraverso una serie di brevetti si arriverà poi a una particolare tecnologia atta a indurire la superficie del metallo che Citizen chiamerà Duratect®; una tecnologia in grado di migliorare anche l’aspetto estetico del titanio, la sua brillantezza e lucentezza ma anche il colore: dal grigio argenteo di base sarà possibile passare a tonalità più chiare o più scure, anche dorate o rosate. In seguito a tali innovazioni vedrà infine la luce nel 2000 il Super Titanio®, con il primo orologio, il multifunzione Aspec World Time, che inaugurerà quella che oggi è una nutrita gamma declinata in più collezioni. Un traguardo che comunque non ha fermato la ricerca, né le sue applicazioni: il Super Titanio® è stato infatti impiegato nel primo programma commerciale giapponese di esplorazione lunare Hakuto-R, in particolare per realizzare alcune componenti del veicolo spaziale che dovrebbe essere lanciato nel 2021.
Per quanto riguarda poi più specificamente la gamma di orologi in Super Titanio®, abbiamo scelto alcuni esemplari appartenenti alla scorsa stagione “Autunno-Inverno 2019”. Il primo è l’Automatico della collezione Meccanico, una linea da uomo con segna- tempo di estetica classica che pur supportando movimenti meccanici tradizionali, naturalmente più pesanti di quelli al quarzo, risultano superleggeri oltre che ultraresistenti: il modello in oggetto pesa complessivamente 54 grammi nella versione con cinturino e 92 grammi in quella braccialata. La cassa, che misura 40 millimetri di diametro ed è impermeabile fino a 50 metri, è in Super Tita- nio® PTIC ovvero con finitura al platino satinata e lucida, mentre il quadrante nero – disponibile anche blu o argenté – con datario al 3 presenta una …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA