E’ quello che caratterizza i nuovi orologi femminili della collezione Galop d’Hermès con l’originale cassa progettata dal talentuoso designer californiano Ini Archibong.

Durante l’edizione 2019 del SIHH, Hermès ha fatto parlare di sé e delle sue novità, incluso il lancio di una nuova collezione da donna, la raffinata linea Galop d’Hermès che, ancora una volta, esprime la capacità della Casa di coniugare creatività e ingegno in ambito orologiero. La realizzazione di questi esemplari è stata affidata dalla Casa al celebre designer Ini Archibong, un vero e proprio talento contemporaneo. Nato nel 1983 a Pasadena in California, si è diplomato in design dell’ambiente all’Art Center College di Design nel 2012. Successivamente ha frequentato un master in design del lusso e artigianato all’Ecole Cantonal d’Art Lausanne. Nel 2010, mentre era ancora uno studente, ha fondato il suo studio di progettazione Design by INI e viene nominato Studente americano dell’anno durante l’ICFF. L’attitudine di questo straordinario artista è quella di esplorare ampiamente ogni ambito del design e di collaborare con diversi brand per progetti molto differenti tra di loro. I suoi lavori sono apparsi su diverse pubblicazioni e sono stati esposti presso il Victoria & Albert Museum, l’Expo e il Salone Satellite di Milano e il Wanted Design. Quando è stato incaricato da Hermès di creare un orologio femminile che fosse una nuova icona di stile e che si inserisse perfettamente nella ricca tradizione del marchio, Ini Archibong ha cercato la sua fonte di ispirazione proprio nella lunga storia produttiva della Casa, in particolare quella che ha riguardato il mondo equestre. Thierry Hermès, il fondatore dell’azienda, infatti, era in origine un produttore di finimenti per cavalli e carrozze, molto apprezzato ai tempi per la qualità delle sue realizzazioni e per la sua perizia artigianale, la stessa che ha poi caratterizzato tutta la successiva produzione anche in altri ambiti e che ha portato l’azienda a ottenere un successo internazionale. L’attività era cominciata nel 1837 a Parigi, poi proseguita da Émile Maurice, nipote del fondatore, che trasferì il laboratorio in una palazzina al 24 di Rue du Faubourg Saint-Honoré, tuttora il quartier generale della Maison. Nel corso del tempo, alle produzioni di pelletteria si affiancarono anche linee, sempre ispirate al mondo equestre, di gioielli, di cinture, di borse e, in seguito, di foulard in pura seta, anche questi caratterizzati da stampe con scene di cavalli o con ambientazioni veneziane.
I profili degli orologi Galop d’Hermès sono bombati e presentano una particolare linea asimmetrica.

Con gli anni l’universo Hermès si è ampliato fino a comprendere anche profumi, linee di abbigliamento, oggetti per la casa, agende e orologi, per poi arrivare alla fondazione, nel 1978, della filiale orologiera La Montre Hermès, con sede in Svizzera, dove si è inaugurata una produzione di segnatempo raffinati, eleganti e, soprattutto, molto originali. Avvicinandosi a questa straordinaria industria del lusso, il designer Ini Archibong ha intuito che qualsiasi prodotto, e di ogni genere, firmato dalla Casa parigina è in grado di far vivere un’esperienza che supera di gran lunga il suo valore d’uso e di regalare delle vere e proprie emozioni. Lo studio è dunque cominciato svolgendo un’accurata ricerca presso il Conservatoire des créations Hermès, analizzando morsi, staffe, finimenti, le collezioni di bardature e ogni altro singolo pezzo, appropriandosi della loro ingegnosità, della loro precisione e della cura per i dettagli, dove la bellezza …

Vuoi leggere la versione integrale dell’articolo? Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA