Un nuovo scenografico orologio inaugura il 2019 di Czapek e rende omaggio alla prima boutique ginevrina della maison fondata nel lontano 1845 e riportata in vita con grande entusiasmo nel 2015 dopo un lungo periodo di oblio.

Lo scorso gennaio la manifattura indipendente Czapek ha inaugurato la sua prima Boutique ginevrina, situata in Rue de la Corraterie e dunque nel centro più elegante, tra la Vieille Ville e la zona dove sono concentrate le principali banche della città. La Boutique si trova nella stessa sede che funge anche da quartier generale per questo marchio dal grande passato del quale vogliamo ripercorrere brevemente la storia. Viene fondato a Ginevra nel 1845 da Franciszek Czapek, esule polacco di origine boema rifugiatosi in Svizzera nel 1832 dopo aver partecipato alla cosiddetta “Rivolta di Novembre”, tentativo fallito di ribellione armata da parte della Polonia contro il dominio russo; una volta giunto in terra elvetica il nostro intraprendente orologiaio mette su una prima attività con un partner locale e “francesizza” il suo nome in François; poi, qualche anno dopo e precisamente nel 1836, incontra un connazionale, anch’esso fuggito dalla guerra russo-polacca, Antoine Norbert de Patek, con il quale nel 1839 crea la Patek, Czapek & Cie. e realizza una serie di segnatempo eccezionali fino al 1845 quando le loro strade divergono, confluendo rispettivamente nella Czapek & Cie. e nella Patek Philippe: ma questa è un’altra storia… La Czapek & Cie. prospera velocemente e il Nostro diviene tra i più rinomati Maîtres Horlogers del XIX secolo – fornitore di corte di Napoleone III -, con un trattato di orologeria all’attivo – il primo mai scritto in lingua polacca – e Boutique a Ginevra, in Quai des Bergues, a Parigi, a Place Vendôme – probabilmente, il primo negozio di orologeria insediatosi nella celebre piazza -, e a Varsavia, in Krakowskie Przedmiescie ovvero Fabourg de Cracovie, una delle vie più conosciute e prestigiose della città. Saranno anni di grandi successi fino al 1869, quando – forse in seguito alla scomparsa di Czapek, la cui data di morte è sconosciuta, – tutto cambia. In pochi anni l’attività si ferma, e non se ne saprà più nulla fino al 2011, quando tre dinamici imprenditori – Xavier de Roquemaurel, Harry Guhl e Sébastien Follonier – decidono di far rivivere il marchio che debutterà ufficialmente il 10 novembre 2015 grazie a un’inusuale campagna di crowdfunding, caso unico nell’orologeria alto di gamma.
Oggi, giunta al quarto anno di vita con un …

Vuoi leggere tutto l’articolo? Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA