La corona del bilanciere, tagliata in due punti simmetrici, è formata da due metalli saldati insieme, acciaio all’interno ed ottone all’esterno: questi, avendo un diverso coefficiente di dilatazione, fanno aprire le semi-corone tagliate quando la temperatura diminuisce, aumentando così il suo raggio di girazione, fatto che provoca ritardo. Viene così compensata la variazione di elasticità della spirale che, irrigidendosi, fa anticipare l’orologio. Il contrario si verifica quando la temperatura aumenta. Sulla corona si trovano delle viti: allontanandole od avvicinandole al taglio si può ottenere una compensazione maggiore o minore. Questo bilanciere può compensare con precisione gli effetti delle variazioni di temperatura solo a quelle estreme (per es. +4 e +36° C). Alle temperature intermedie si registra un errore, definito errore secondario. Non deve essere associato a spirali compensatrici.

« Back to Glossary Index