Angolo percorso a vuoto dal dente della ruota di scappamento dopo l’impulso su una leva dell’àncora per andare ad appoggiarsi sul piano di riposo dell’altra leva. Si distingue una caduta esterna ed una interna a seconda che essa avvenga tra le due leve dell’àncora o all’esterno di queste. La caduta ha un valore angolare da 1°,30’ a 3°. È uno spreco di energia ma è indispensabile per far fronte alle inevitabili tolleranze di lavorazione: è quindi necessaria per garantire il funzionamento dello scappamento. In quelli di alta qualità si cerca di contenerla al minimo.

« Back to Glossary Index