(più correttamente: della frequenza respiratoria)
Sui cronografi medicali è impiegata per calcolare rapidamente la frequenza respiratoria del paziente. Può essere basata su 5 o 10 atti respiratori: si fa partire il cronografo alla percezione dell’inizio del primo atto respiratorio e lo si arresta al termine dell’ultimo atto (ad es.: il quinto) sul quale è basata la scala. La grande lancetta indica direttamente il numero di atti al minuto.

« Back to Glossary Index