Impiegato nella quasi totalità degli orologi da polso. È composto da:
RUOTA DI SCAPPAMENTO – “A”, con denti di forma diversa da quelli di una ruota normale, detti anche “denti a tallone”.
ÀNCORA – Nella quale sono riconoscibili la leva di entrata “E“, la leva di uscita “U“, l’asse dell’àncora “X”, i bracci “B”, lo stelo “S”, la forchetta “F”, le corna “C” e il dardo “D”.
SPINETTE DI LIMITAZIONE – Costituite da due caviglie verticali “Y” sulle quali si appoggia alternativamente lo stelo dell’àncora da un riposo all’altro. Oggi si tende a sostituirle con appoggi non regolabili ricavati direttamente per fresatura dalla platìna.
ASSE DEL BILANCIERE
– Sul quale sono montati il disco d’impulso “I”, il disco di sicurezza “H”; sul disco d’impulso è fissato il bottone “N”. Disco d’impulso e di sicurezza costituiscono un pezzo unico essendo collegati tra di loro da un mozzo e, in gergo, sono genericamente indicati con il termine francese plateau.
FUNZIONAMENTO
– Le principali fasi del funzionamento dello scappamento sono, in ordine progressivo, il riposo, il disimpegno, il rinculo geometrico e meccanico, l’impulso, la caduta e il cammino perduto (per questi termini vedere alle singole voci).

« Back to Glossary Index