Difetto di equilibrio che può essere manifestato da due organi dell’orologio: dal bilanciere e dalla spirale. È dovuto alla forza di gravità. Lo squilibrio fa sentire i suoi effetti (anticipi-ritardi-irregolarità di marcia) solo quando l’orologio è in posizione verticale. Quando quest’ultimo, invece, è in posizione orizzontale, lo squilibrio non provoca alcun difetto. Vi si rimedia con l’equilibratura del bilanciere e con l’applicazione a questo di una spirale Breguet con curva Philips. Con l’impiego, abbastanza recente, degli scappamenti ad alta frequenza (28.800 e 36.000 A/h) la marcia dell’orologio risente meno degli effetti dello squilibrio.

« Back to Glossary Index