Per i nuovi modelli della linea sport, gli emblematici Centigraphe e Octa Ora disponibili con un inedito e vivace quadrante giallo con dettagli rossi.

Ginevra, Parigi, New York, LosAngeles, Miami, Tokyo, Hong Kong, Beirut, Kiev… Le Boutique F.P. Journe sono ormai dislocate un po’ in tutto il mondo, nonostante il Brand sia relativamente giovane essendo nato nel 1999.

Il nome proviene dal fondatore François-Paul Journe che per la Maison ginevrina ha dichiarato fin da subito lo status di Manifattura con il motto latino “Invenit et Fecit” che va a perfezionare la ragione sociale.

Le sue creazioni di alta orologeria, le cui complicazioni coniugano in maniera esemplare tradizione e contemporaneità, gli hanno consentito in questi anni di ottenere numerosi premi tra i quali, per ben 3 volte, la prestigiosa “Aiguille d’Or” del Grand Prix d’Horlogerie de Genève: nel 2004 con il Tourbillon Souverain à Remontoir d’Égalité avec Seconde Morte che univa a un tourbillon a forza costante una lancetta dei secondi con andamento a scatti – i cosiddetti “secondi morti” -; nel 2006 con il Sonnerie Souverain, ovvero una Ripetizione Minuti con Grande Sonnerie dotata di 10 brevetti; nel 2008 con il Centigraphe Souverain, la cui “release” più recente, il Centigraphe Sport, è quella della quale vi parliamo in queste pagine insieme al secondo nuovo modello della collezione, l’Octa Sport, un orologio che ha un posto parimenti importante nella breve storia della F.P. Journe in quanto il primo Octa del 2001 montava il primo movimento automatico – con ben 120 ore di riserva di carica – realizzato dalla Manifattura.

Due nuovi segnatempo, dunque, per la linea Sport, linea che viene inaugurata nel 2011 con un particolarissimo esemplare di Centigraphe con cassa, bracciale e movimento interamente in lega di alluminio – venduto poi a Hong Kong in un’asta benefica a favore delle vittime del catastrofico terremoto/tsunami che aveva colpito il Giappone settentrionale in quello stesso anno -, prosegue nel suo percorso all’insegna della performance e della leggerezza con nuovi modelli e nel 2014 approda a due nuovi Centigraphe e Octa con quadrante e movimento in lega di alluminio e cassa in titanio grado 5, un materiale high-tech ultraleggero – il peso totale, per questi orologi, era di circa 70 grammi ciascuno – impiegato in passato perlopiù nell’industria nautica e …
 
Vuoi leggere tutto l’articolo? Abbonati a Orologi.it!
 
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA