Si esprime negli orologi G-Timeless di Gucci, dedicati al pubblico femminile, che affiancano ai decori identificativi della collezione altri motivi ispirati al mondo della natura.

Gucci amplia la collezione di orologi G-Timeless con nuovi modelli che, ancora una volta, confermano la capacità del brand di stupire con creazioni originali, giocose e, al tempo stesso, raffinate. E questo lo si deve, naturalmente, al direttore creativo Alessandro Michele, un talento straordinario che ha rivoluzionato lo stile sia delle linee di abbigliamento che degli accessori firmati dalla Casa, compresi i segnatempo. Nominato nel suo prestigioso ruolo nel gennaio 2015, anno in cui ha anche ricevuto il riconoscimento come International Fashion Designer of the Year, Alessandro Michele è stato in grado di dare il via a una nuova stagione stilistica, regalando una sferzata di energia al marchio e trasformando le sue proposte nei nuovi oggetti del desiderio con l’invenzione di una particolarissima visione della moda, ricca di contaminazioni e in cui si riconoscono le sue passioni: il collezionismo, il cinema e letteratura. A questo si aggiunge l’amore per il vintage, condito da un’incredibile capacità creativa nell’accostare ispirazioni diverse. Nato nel novembre del 1972 a Roma, il designer è figlio di un tecnico dell’Alitalia e di una donna che, in passato, aveva lavorato nel mondo del cinema e che lo spinge a dedicarsi all’arte e al bello in ogni sua forma. Così decide di iscriversi all’Accademia di Costume e Moda con l’idea di diventare uno scenografo. Dopo aver svolto mille lavori diversi, arriva per Alessandro la sua prima esperienza nel settore, con un impiego nella maglieria di Les Copains: è proprio qui che comincia a svelare il suo vero talento, inizialmente nel settore degli accessori. Dopo aver inviato il suo book ad alcuni atelier, viene convocato immediatamente da Fendi che lo recluta come senior, sempre agli accessori, offrendogli l’opportunità di una grande formazione stilistica e culturale, trovandosi a collaborare con un eccezionale talento creativo: Karl Lagerfeld. Nel 2002 arriva la chiamata di Tom Ford e, da questo momento in poi, Alessandro Michele non lascerà più la Casa fiorentina, lavorando fianco a fianco prima con Alessandra Facchinetti e poi con Frida Giannini. Proprio in seguito all’uscita improvvisa di Frida Giannini, viene nominato Direttore Creativo di Gucci, con solo una settimana a disposizione prima della sfilata maschile autunno inverno 2015- 16. Lo stilista si rinchiude nella sua casa di Civita di Bagnoregio e mette nella sua collezione tutto quello che ha da dire. Evidentemente molto, perché il suo debutto ottiene un successo straordinario e viene giudicato dalla stampa di settore come l’evento più importante delle sfilate milanesi. Da quel giorno a oggi di collezioni ce ne sono state diverse, ma il successo del designer, e con lui della Maison, è un crescendo, così come dimostrano anche gli orologi che presentiamo in queste pagine, i nuovi modelli della linea G-Timeless che, accanto all’ape, alla stella e al cuore, motivi ormai iconici della collezione, prevedono altri originali decori. Cominciamo dall’orologio con cassa del diametro di 27 millimetri realizzata in acciaio che ospita sul profilo, delimitato da anse dalla forma discendente, la corona scanalata e personalizzata con la doppia G intrecciata simbolo della Casa. La lunetta circonda il quadrante argento, protetto da un vetro zaffiro antiriflesso, dove sono ospitati lancette per l’indicazione di ore e minuti, sfera ad ago per i secondi, stelle, api, borchie e un cuore applicati al posto degli indici, logo al 12 e, al centro, la testa di un felino. Lo stesso motivo dell’ape lo ritroviamo inciso anche sul fondello. Accompagna questo esemplare, che è animato da movimento al quarzo ETA, ha un’impermeabilità garantita fino a 5 atmosfere di pressione ed è disponibile anche con la cassa della misura di 38 millimetri, un bracciale in acciaio chiuso da una fibbia déployante personalizzata. Presentiamo anche lo stesso modello con cassa in acciaio, sempre proposta nelle due misure di 27 e 38 millimetri, quadrante silver con motivo testa di felino e decori dorati, corona e bracciale in acciaio e PVD oro giallo.
Passiamo ora ai segnatempo, sempre animati da movimento al quarzo ETA, che scelgono come motivo stilistico il serpente: anche in questo caso gli orologi sono disponibili sia in acciaio che in versione bicolore, la cassa ha un diametro di 38 millimetri e il quadrante argento è decorato da un serpente nelle tonalità del rosso, del bianco e del nero. Elementi provenienti dal mondo della natura ispirano anche il G-Timeless con la cassa del diametro di 38 millimetri in acciaio PVD oro giallo e il quadrante con l’ape al centro realizzato in tela color oro, a contrasto con il motivo della doppia G che torna sia sul cinturino, chiuso da una fibbia ad ardiglione in acciaio PVD oro giallo, che sul fondello. Le informazioni temporali sono affidate a lancette per l’indicazione di ore e minuti, il movimento è un quarzo Ronda e l’impermeabilità è garantita fino a 5 atmosfere di pressione.
Anche l’ultimo modello che presentiamo ha la cassa di 38 millimetri in acciaio PVD oro giallo ma il quadrante nero è in pelle e ospita lancette per ore e minuti, l’ape al 12 e stelle ai quarti. Questo esemplare è abbinato a un cinturino nero in pelle, monta un movimento al quarzo Ronda ed è impermeabile fino a 5 atmosfere di pressione.

Vuoi leggere tutti gli articoli? Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA