Sul quadrante azzurro a effetto dégradé dei Glashütte Original Sixties Annual Edition, all’insegna dello stile.

di Silvana Murgia

È un appuntamento imperdibile per gli appassionati quello con la Glashütte Original Sixties Annual Edition: tutto è iniziato nel 2018 quando la Manifattura ha deciso di continuare a riprendere, con speciali edizioni limitate soltanto ai dodici mesi in corso, alcuni rari Spezimatic degli anni Sessanta che si distinguevano per accattivanti quadranti sfumati, realizzati da un’apposita fabbrica a Pforzheim. La qualità costruttiva di questi quadranti è stata sicuramente l’elemento principale che ha sancito il successo dello Spezimatic e il suo attuale valore collezionistico. E anche se le finiture dell’epoca non sono paragonabili a quelle odierne, le soluzioni tecniche adottate per proteggere il movimento dagli shock esterni e la costruzione a sandwich del calibro stesso hanno garantito la solidità e l’inalterabilità di questi orologi, ancora oggi ricercati dagli appassionati e dagli amanti del vintage.
A fare da sfondo alle “riedizioni” di questi esemplari un decennio segnato dal boom economico e dal più importante rinnovamento generazionale che il secolo abbia attraversato, con eventi sociopolitici e culturali che avrebbero influenzato e modificato valori, ideali e stile di vita delle future generazioni. Un’epoca assolutamente rivoluzionaria, terreno fertile per la nascita di nuove mode, tendenze, e di una nuova cultura musicale. Anni di grande fermento segnati dall’invenzione del primo computer, dal primo allunaggio di Neil Armstrong e dell’Apollo 11, dalla lotta di Martin Luther King per i diritti dei neri negli Stati Uniti. Insomma, gli anni Sessanta hanno gettato le basi per un costante progresso della società, della cultura e della tecnologia, che avrebbero in seguito modificato radicalmente il nostro modo di vivere.
Lo stesso spirito di cambiamento ha segnato, sin dal suo esordio, nel 2007, la collezione Glashütte Original Sixties, che ha continuato a ridefinire la gamma con nuove forme e colorazioni. Mantenendo intatti alcuni elementi che riflettono le linee retrò tipiche del carattere minimalista, ben interpretato dai quadranti curvati sui quali spicca la finitura soleil, l’originale stile grafico dei numeri arabi a ore 3, 6, 9 e 12, abbinati a una sottile scala dei minuti. Le tappe dell’evoluzione segnano, nel 2015, il lancio della linea Iconic, cinque Glashütte Original Sixties in edizione limitata andati esauriti in un batter d’occhio. Nel 2017 la svolta, con una cassa di forma quadrata e l’aggiunta di una funzione cronografo in cinque varianti di colore. Nel 2018, appunto, la prima Annual Edition, che apre la strada a una nuova collezione di segnatempo con cassa tonda e quadrante verde degradé disponibili in una versione solo tempo da 39 millimetri e in una con cassa da 42 millimetri e la caratteristica Grande Data a scatto rapido della Manifattura. I Sixties e Sixties Panorama Date Annual Edition 2019 si notano invece per il colore arancione vivo del quadrante, la caratteristica …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA