Il nuovo, straordinario orologio proposto da Harry Winston per celebrare il 20° anniversario della nascita della prestigiosa collezione di orologi Ocean.

Harry Winston celebra il 20° anniversario della collezione Ocean con un nuovo segnatempo dall’estetica di forte impatto, originale e molto raffinata, dotato di una complicazione davvero straordinaria: è il Biretrograde Perpetual Calendar Automatic 42mm, dedicato ai polsi maschili, che sfoggia un design caratterizzato da linee geometriche disposte su più livelli e reso ancora più particolare da un gioco di forme e di texture differenti.

L’orologio mantiene le caratteristiche tipiche della linea The Ocean Collection, la più sportiva tra quelle create dalla Maison, che vanta uno stile moderno ed esclusivo e che si basa su altri due aspetti essenziali: la costante ricerca di prestazioni tecniche d’eccezione e l’armonioso bilanciamento tra un senso di profondità e le opzioni di visualizzazione.

Con questo segnatempo la Casa propone dunque una reinterpretazione grafica del classico orologio con calendario perpetuo che prevede, oltre a quelle orarie, le indicazioni del giorno della settimana, della data, del mese, dell’anno bisestile e delle fasi lunari.

Disponibile in oro rosa o bianco, l’Ocean Biretrograde Perpetual Calendar Automatic presenta una cassa tonda del diametro di 42,2 millimetri con il profilo, dello spessore di 11,92 millimetri, delimitato da anse dalla linea tondeggiante, con al centro la corona scanalata e personalizzata inserita tra due spallette di protezione e, ai lati, due pulsanti da utilizzare per la gestione delle funzioni dell’orologio, come gli altri due posti sull’altro lato della carrure.

Una scanalatura mette in evidenza la lunetta satinata che circonda il quadrante, protetto da un vetro zaffiro con trattamento antiriflesso su entrambi i lati, blu nella versione in oro bianco, grigio in quella in oro rosa. Con motivo Clou de Paris al centro, è caratterizzato da …
 
Vuoi leggere tutto l’articolo? Abbonati a Orologi.it!
 
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA