Foto di Hublot

Per i modelli Spirit Of Big Bang Moonphase Titanium e King Gold di Hublot dedicati al pubblico femminile e proposti in quattro nuance esclusive impreziosite da luminose pietre incastonate sulla lunetta.

Creatività, fantasia e innovazione tecnologica sono ciò che contraddistinguono Hublot nel mondo dell’orologeria di lusso. Il marchio nasce nel 1976 da un’idea di Carlo Crocco che, dopo aver maturato una grande esperienza nel settore, decide di trasferirsi in Svizzera per creare una propria azienda.

Tre anni dopo viene progettato e sviluppato dalla Casa un orologio straordinario e, soprattutto, inedito, il Monaco Classic Week, ispirato al mondo nautico, così come il nome del brand che deriva proprio dal francese “oblò”. Questo modello, presentato per la prima volta in occasione della fiera di Basilea del 1980, ha dato il via al successo del marchio, anche grazie all’interessamento mostrato da parte di personaggi appartenenti a famiglie reali, tra i quali Re Juan Carlos di Spagna e Carolina di Monaco, interessamento che valse a questo esemplare l’appellativo “l’orologio dei Re”. Oltre che per la sua estetica innovativa e per le sue funzioni, il segnatempo si caratterizzava per un originale cinturino realizzato con un tipo di caucciù proveniente dalla Malesia e poi miscelato a essenze di vaniglia originali delle isole Réunion.

Il percorso di Hublot prosegue da allora con altre proposte di primissima qualità, sia dal punto di vista dei contenuti tecnici che del design: tra gli esemplari più significativi vanno ricordati segnatempo eccezionali come il Thorr o l’Astrographe, solo per fare qualche esempio.

Nel 2005 nascono gli orologi Big Bang, che ottengono molti premi e riconoscimenti da parte del pubblico e degli appassionati del settore e che possiamo definire i diretti predecessori della linea presentata in queste pagine: la collezione Spirit of Big Bang Moonphase.

Vuoi continuare a leggere l’articolo HUBLOT: UN’ESPLOSIONE DI COLORI E DI LUCE?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA TUA COPIA DIGITALE DELLA RIVISTA