Il J12 è diventato grande, ma non per questo abbandona il carattere libero che lo ha connotato sin dall’esordio, avvenuto esattamente venti anni fa. Anzi, oggi più che mai, esalta il suo spirito irriverente ricoprendosi di emblemi tipici dell’universo Chanel cari a Mademoiselle. Venti in tutto, proprio come la sua età.

di Laura Murgia

Nel 2018 ha raggiunto la maggiore età e nel 2020 festeggia due decenni di vita scegliendo di farlo, c’era da aspettarselo, in maniera del tutto inusuale e in uno stile pienamente Chanel che sarebbe certamente piaciuto a Gabrielle. Star della moda e insieme orologio simbolo della Maison, il J12 mantiene intatta l’audacia che lo caratterizzò sin dagli inizi, a partire da quando l’allora Direttore Artistico Jacques Helleu creò un nuovo segnatempo ispirato agli universi che più amava: il mondo automobilistico e quello della vela. Quest’ultimo in particolare, gli fornì i maggiori spunti, compreso il nome mutuato da quello delle imbarcazioni “J-Class” (Classe J) che classificava i grandi Yacht da regata partecipanti alla Coppa America realizzati tra il 1930 e il 1937. Riservati a una élite estremamente facoltosa e appassionata, tali velieri, simbolo di lusso e di sportività, furono utilizzati per competere nelle tre regate disputate nel 1930, 1934 e 1937. E anche il bianco e il nero, colori prediletti da Mademoiselle, hanno inaugurato una nuova era orologiera, poiché il J12 si è vestito quasi esclusivamente delle due tinte simbolo della Maison, il nero più intenso nel 2000 e il bianco luminoso nel 2003 – con la sola eccezione rappresentata dal tono grigio titanio – fino all’iconico J12 Paradoxe che a breve arriverà sul mercato in cui i due colori trovano la loro perfetta sintesi pur non mescolandosi mai. Innovativo, infine, il J12, lo è stato nel campo dei materiali, grazie a una scelta netta in favore della ceramica ad alta resistenza della quale si celebrano oggi durevolezza e brillantezza, da quel momento eletta a prodotto di lusso al pari dei migliori metalli. Anche in questo caso solo di recente, e sempre per rendere omaggio ai venti anni del modello, è stata fatta un’eccezione, o per meglio dire uno strappo in piena regola, con il J12 X-RAY: soli 12 esclusivissimi esemplari realizzati completamente in vetro zaffiro sia per la cassa che per il bracciale, in cui la prodezza
tecnica si completa con …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA