La Archive Series di Bulova aggiunge un nuovo modello alla sua collezione di orologi vintage: si tratta del Computron Digital Led, riedizione di un esemplare del 1976 particolarmente apprezzato all’epoca per il suo design avanguardistico e per le sue indicazioni digitali.

Dedicata agli amanti dell’orologeria vintage, la Archive Series di Bulova nasce nel 2016 con l’intenzione di riportare in vita, reinterpretandoli in chiave contemporanea, i modelli più significativi della popolare Casa orologiera che, se oggi si configura come consociata indipendente del colosso giapponese dell’elettronica di consumo Citizen Watch Company Ltd., in realtà viene fondata come gioielleria a New York, nel lontano 1875. Il suo fondatore, Joseph Bulova, era un intraprendente emigrato boemo che in seguito, intorno agli anni ’10 del Novecento, aprirà una divisione in Svizzera, a Bienne, con la quale inizierà una proficua attività anche in campo orologiero. Uno spirito indipendente e cosmopolita, quindi, quello di Bulova, che dura ancora oggi: alla sede principale di New York nel tempo si sono aggiunti altri 8 uffici internazionali, mentre la distribuzione ha raggiunto ben 65 mercati in tutto il mondo. In questa sua lunga avventura, naturalmente, molti sono stati i successi, all’insegna di una tecnologia sofisticata ed evoluta; una spinta tecnologica che negli anni non si è affatto affievolita, come recentemente hanno dimostrato il movimento al quarzo Precisionist ad altissima frequenza (262 kHz) lanciato nel 2010 e il CURV, primo movimento al quarzo “ricurvo”, appartenente sempre alla serie Precisionist, presentato nel 2016. Per quanto riguarda invece il passato, come non ricordare il lancio nel 1960 dell’Accutron, il primo orologio al mondo completamente elettronico che per regolare la misurazione del tempo si affidava alla risonanza di un diapason, e nel decennio successivo la presentazione del Lunar Pilot il cui modello originario, al polso dell’astronauta americano David Scott durante l’allunaggio della missione Apollo 15 del 1971, è stato battuto all’asta qualche anno fa per l’astronomica cifra di un milione e seicentomila dollari! Appartiene inconfondibilmente agli anni ‘70 anche il Computron Digital LED, un modello perfettamente calato nel tipico design avanguardistico dell’epoca che oggi Bulova ripropone proprio con la serie Archive, la stessa che ha reso nuovamente disponibili il Lunar Pilot, l’Oceanographer …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA