Il più esplicito omaggio contemporaneo di patek philippe al mondo dell’aviazione si veste di nuovi colori e si apre all’universo femminile: uno sviluppo interessante all’interno delle collezioni della manifattura ginevrina, come sempre fondato sul suo straordinario patrimonio tecnico.

E’ tempo di novità per il Calatrava Pilot Travel Time, l’orologio con doppio fuso orario che Patek Philippe ha lanciato tre anni fa, il cui nome rappresenta un omaggio esplicito ai pionieri dell’aviazione e ai momenti più importanti della conquista dei cieli.

Esteticamente un orologio “diverso” dallo stile consueto della Maison ginevrina, della quale accoglie invece fino in fondo la tradizione tecnica, in particolare per ciò che riguarda il settore specifico della visualizzazione dell’ora su diversi fusi orari, settore diventato particolarmente attuale a partire dagli anni ‘30 del ventesimo secolo proprio in seguito allo sviluppo dell’aviazione.

E’ noto che a quell’epoca Patek Philippe realizzò i suoi primi orologi a “Ora Universale” in collaborazione con l’orologiaio Louis Cottier, mettendo a punto un sistema che è stato punto di riferimento per tutti i costruttori successivi.

Risale invece al 1959 il primo brevetto per il meccanismo Travel Time, semplice da utilizzare e per questo molto apprezzato da tutti i grandi viaggiatori; un ulteriore perfezionamento è arrivato nel 1996, quando gli orologiai della Maison hanno messo a punto un dispositivo isolatore che scollega il meccanismo dei fusi orari dal movimento di base durante le operazioni di arretramento o avanzamento dell’ora locale, in modo da non interferire con le oscillazioni del bilanciere e quindi sulla precisione di marcia dell’orologio.

Tale dispositivo, anch’esso coperto da brevetto, è stato integrato all’interno del calibro automatico 324 S C FUS, adottato sia nel Calatrava Pilot Travel Time sia nell’Aquanaut Travel Time. Si tratta di una delle numerose varianti del calibro automatico di base 324, dotato di bilanciere Gyromax® e di spirale Spiromax® in Silinvar®, frequenza di 4 Hz, pari a 28.800 alternanze/ora, rotore centrale in oro a 21 carati con sistema di carica unidirezionale, riserva di carica di 35- 45 ore, 294 componenti totali, tra i quali 29 rubini, 31 millimetri di diametro e 4,9 millimetri di spessore.

Affidabile e preciso secondo le regole del Sigillo Patek Philippe – dal punto di vista della precisione, la tolleranza è di -3/+2 secondi al giorno -, tale calibro presenta ponti rifiniti ad anglage e decorati a Côtes de Genève, rotore decorato a Côtes de Genève circolari e con Croce di Calatrava incisa, incisioni dorate.

Lanciato nel 2015 in una versione con cassa in oro bianco di 42 millimetri di diametro e con quadrante blu, ora il Calatrava Pilot Travel Time è disponibile anche in oro rosa con quadrante bruno a effetto sfumato nero e – novità nella novità – in una identica versione da donna, con cassa di 37,5 millimetri di diametro, che rappresenta il primo modello Travel Time automatico della collezione femminile di Patek Philippe.

Naturalmente non cambiano le caratteristiche che hanno decretato il successo del modello del 2015; in particolare il quadrante, che si lascia notare per il suo inconfondibile stile aviazione e, dunque, per una spiccata visibilità ottenuta grazie alle grandi cifre arabe applicate in oro rosa, scavate e riempite con un rivestimento luminescente bianco, e alle ampie lancette, anch’esse rivestite di SuperLuminova per assicurare un’ottimale leggibilità anche al buio.

Qui la lancetta dell’home time si distingue da quelle dell’ora locale per il suo design traforato; questa ha il compito di mostrare l’ora di casa quando l’utente dell’orologio è in viaggio; l’ora locale può invece essere facilmente aggiornata all’arrivo a destinazione mediante i due pulsanti posti sul fianco sinistro della cassa – con il pulsante in basso la lancetta delle ore avanza a scatti di un’ora mentre con quello in alto torna indietro -, senza che queste operazioni possano influire sulla precisione di marcia grazie al dispositivo brevettato di cui dicevamo sopra; al ritorno a casa, la coincidenza tra home time e ora locale determina una perfetta sovrapposizione della lancetta piena e di quella vuota, come se si trattasse di un normale orologio a tre sfere.

In aggiunta a queste indicazioni, il quadrante del Calatrava Travel Time presenta due utili indicatori giorno/notte per entrambi i fusi orari di riferimento, a ore 9 quello dell’ora locale e a ore 3 quello dell’home time, e un quadrante ausiliario a ore 6 con indicazione della data legata all’ora locale dove il numero 1 spicca nella sua colorazione arancio.

Per la regolazione della data è stato predisposto un pulsante-correttore accessibile sulla carrure, tra le ore 6 e le 7; la corona dispone a sua volta di due posizioni, per la messa all’ora e per la carica manuale del movimento; come dicevamo, la funzionalità dei fusi orari è invece assicurata completamente dai due pulsanti laterali, i quali risultano avvitati alla cassa e dotati di un ulteriore sistema di sicurezza brevettato che ne impedisce attivazioni involontarie e quindi cambiamenti accidentali dell’ora locale.

Proposte con un identico spessore di 10,78 millimetri, le casse in oro del Calatrava Pilot Travel Time da uomo e da donna sono dotate di fondo cassa in cristallo di zaffiro a vista sul calibro automatico 324 S C FUS; la garanzia d’impermeabilità è di 60 metri nel modello maschile e di 30 metri in quello femminile. Nessuna differenza, infine, per il cinturino, che si presenta in perfetto stile aviazione in pelle di vitello bruno vintage con impunture chiare a contrasto e fibbia ad ardiglione in oro rosa a doppia “traversa” ispirata alle cinghie utilizzate dagli aviatori per fissare su di sé il kit di emergenza contenente il paracadute e l’attrezzatura di sopravvivenza.
 
Vuoi leggere altri articoli? Abbonati a Orologi.it!
 
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA