Espresso nelle straordinarie creazioni proposte da Richard Mille e dedicate al mondo dell’infanzia e delle emozioni.

La nuova collezione di Richard Mille, presentata in occasione del SIHH 2019, ha riservato grandi ed emozionanti sorprese agli appassionati di orologeria di alta gamma. Il brand ha infatti lanciato la straordinaria linea Bonbon declinata in dieci segnatempo, ciascuno in edizione limitata a 30 esemplari, caratterizzati da nuove e inaspettate espressioni grafiche e cromatiche che rimandano al mondo dell’infanzia, rivoluzionando i codici tradizionali con quadranti decorati da caramelle, gelati, gomme da masticare, liquirizie e frutti zuccherosi. I modelli RM 07-03, RM 16-01 ed RM 37-01 vengono così reinterpretati nelle due linee Doceur e Fruit alla luce di un’estetica giocosa ma tramite l’utilizzo di movimenti e di materiali di pregio e di raffinate tecniche di lavorazione artigianale che, insieme a pietre preziose e a inedite composizioni curate in ogni dettaglio, danno vita a orologi eccezionali, realizzati all’insegna della creatività.
Cominciamo a guardare da vicino i modelli della linea Doceur e, in particolare, l’esemplare Sucette, letteralmente “lecca-lecca”, un orologio dal design straordinario e progettato, inoltre, per esprimere al meglio il concetto di integrazione tra movimento e cassa. Il materiale utilizzato per la cassa tonneau, della misura di 34,4 x 52,65 millimetri, con viti a vista in titanio grado 5 e impermeabile fino a 5 atmosfere di pressione, è la ceramica TZP a finitura satinata verde scuro e grigia sul retro, un materiale leggero ma fortemente resistente alle abrasioni e con un basso coefficiente di conduzione termica. Sul profilo dell’orologio, dello spessore di 13,08 millimetri, spiccano la parte centrale della carrure in oro rosso, il pulsante per la regolazione della data e l’originale corona impreziosita con tsavoriti, finemente decorata sulla sommità e con una costruzione brevettata che garantisce la protezione del movimento evitandone il collegamento tramite l’asse di carica, facendo sì che sia vincolata alla cassa e impossibile da rimuovere se non dalle mani esperte di un orologiaio. Il quadrante, protetto da un vetro zaffiro con trattamento antiriflesso su entrambi i lati, in oro rosso e con smaltatura “grand feu”, ospita indici circolari alternati a indici con diamanti, lancette scheletrate per l’indicazione di ore e minuti e gran data al 12. Sul fondello, serrato da 8 viti e con un vetro zaffiro con trattamento antiriflesso su entrambi i lati, si può ammirare il movimento automatico, interamente realizzato in house, che anima l’orologio, il calibro CRMA1, scheletrato e accuratamente rifinito, con platina e ponti in titanio grado 5, selettore di funzione, bilanciere a inerzia variabile, rotore a geometria variabile, bariletto a rotazione rapida, 25 rubini, 28,800 alternanze/ora e …

Vuoi leggere la versione integrale dell’articolo? Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA