Foto di nome fotografo

Esempio straordinario dello stile sportivo-elegante in cui Rolex è leader assoluto, il Lady-Datejust incarna alla perfezione l’ideale dell’orologio di qualità, immediatamente riconoscibile, realizzato nei materiali più preziosi ed esclusivi utilizzati nell’Alta Orologeria.

La sua presenza, discreta ma decisa, ha vestito il polso di diverse generazioni di donne, offrendo loro la proverbiale affidabilità della collezione Oyster, in forme e dimensioni più delicate e assolutamente femminili.

Storicamente nasce infatti alla fine degli anni ‘50, proprio come variante femminile del Datejust, l’emblematico modello lanciato dalla Casa nel 1945 con cassa in oro e data visualizzata in corrispondenza delle ore 3.

Da allora, il Lady-Datejust non solo si è affermato come il classico per eccellenza della collezione femminile di Rolex ma si è anche caratterizzato come uno dei modelli più versatili della famiglia Oyster, capace di vantare il maggior numero di varianti.

Coerentemente con l’evoluzione tecnico-estetica che negli ultimi anni ha coinvolto altre linee all’interno della famiglia Oyster, prima fra tutte la Day-Date, i Lady-Datejust oggi in collezione sono il risultato di un complesso rinnovamento della linea che riguarda sia la cassa e i quadranti – ovvero l’habillage dell’orologio – sia il movimento.

La prima è stata ridisegnata e ampliata da 26 a 28 millimetri di diametro, con il consueto profilo slanciato della carrure e delle anse e con una scelta esclusiva di metalli preziosi: il platino 950, l’oro giallo o Everose 18 carati.

Ovviamente non cambiano le caratteristiche peculiari della cassa Oyster, con la carrure ricavata da un blocco unico di metallo prezioso, il fondello avvitato ermeticamente, la corona con sistema brevettato di doppia impermeabilizzazione Twinlock – anch’essa avvitata -, il vetro zaffiro con lente d’ingrandimento Cyclope a ore 3; infine, naturalmente, l’impermeabilità, garantita fino a 100 metri.

Altro elemento importante nell’estetica di questi orologi è la lunetta, che si presenta liscia, zigrinata oppure impreziosita da 44 diamanti taglio brillante.

Abbinati alla cassa i nuovi quadranti, che uniscono alta tecnologia e know-how tradizionale e sono specifici del nuovo Lady-Datejust; sono proposti in tante tonalità diverse, con decorazioni soleil che ne valorizzano le scelte cromatiche, sottili lancette in oro, indici delle ore semplici oppure con diamanti inseriti in castoni d’oro a forma di stella e una cifra romana al IX rivestita di diamanti.

Nelle foto che corredano questo articolo possiamo vederne diversi esempi: dalle sobrie tonalità argentate ai toni pastello, alle calde nuance dorate o chocolate.

Quanto al movimento, questo riflette alla perfezione il percorso compiuto da Rolex in ambito specificatamente tecnico volto alla realizzazione di movimenti di ultima generazione dotati dei più attuali perfezionamenti in tema di materiali, componenti e, quindi, prestazioni.

Rolex Lady-Datejust

Foto di Dario Tassa

In questo caso parliamo del calibro 2236, movimento meccanico a carica automatica bidirezionale con rotore Perpetual interamente sviluppato e prodotto da Rolex, spirale Syloxi in silicio, brevettata in house, volta a garantire le straordinarie prestazioni cronometriche richieste.

Anche per il nuovo Lady-Datejust, infatti, vale la doppia certificazione: quella del COSC, il Contrôle Officiel Suisse des Chronomètres, e quella Rolex, che testa nuovamente i suoi orologi dopo la messa in cassa attraverso una serie di test estremamente rigorosi ed effettuati con l’ausilio di strumenti ad altissima tecnologia.

Quello che viene rilasciato al termine dei test è il certificato di cronometro superlativo, come dichiarato sul quadrante con la dicitura “Superlative Chronometer Officially Certified”, sebbene i test Rolex non si limitino alla certificazione cronometrica: riguardano infatti anche l’impermeabilità, la carica automatica e la riserva di carica, ponendosi come completamento dei test effettuati a monte, nelle diverse fasi di fabbricazione.

Rolex Lady-Datejust

Foto di Dario Tassa

In aggiunta alle caratteristiche citate, il calibro 2236 adotta un bilanciere a inerzia variabile che lavora a una frequenza di 28.800 alternanze orarie, tarato con mprecisione mediante dadi Microstella in oro e sostenuto da un ponte passante regolabile in altezza che assicura un posizionamento stabile e maggiore resistenza agli urti; fa inoltre parte del calibro 2236 un dispositivo anti-urto Paraflex ad alto rendimento.

È dotato di 31 rubini, funzioni di correzione rapida della data e arresto dei secondi per una regolazione precisa dell’ora; vanta, infine, 55 ore di riserva di marcia.

I nuovi Lady-Datejust sono proposti con due tipi di bracciale: il President, estremamente raffinato, formato da tre file di maglie arrotondate, oppure il Jubilé, bracciale a 5 file di maglie nato nel 1945 in concomitanza con il lancio del Datejust, ora con profilo ridisegnato.

Realizzati in oro oppure in platino, sono entrambi caratterizzati dal nuovo fissaggio invisibile sotto la lunetta che garantisce una perfetta continuità visiva tra le due parti del bracciale e la cassa.

Di ultima generazione anche il fermaglio invisibile Crownclasp, nel quale la chiusura pieghevole rimane del tutto nascosta sotto una piccola leva a forma di corona Rolex.