Uno spettacolare dégradé di zaffiri colora e illumina la lunetta del nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona in oro Everose 18 carati. Un orologio dal volto prezioso, le cui caratteristiche tecniche restano assolutamente identiche a quelle degli esemplari senza pietre preziose e in linea con gli standard di precisione, affidabilità, impermeabilità, resistenza agli urti e ai campi magnetici stabiliti dalla certificazione di Cronometro Superlativo di Rolex. Su orologi.it un approfondimento sull’orologio, che rappresenta un autentico oggetto del desiderio per esteti raffinati e collezionisti.

Progettato per essere l’orologio perfetto nell’ambito degli sport automobilistici e ovunque siano richieste prestazioni tecniche di livello superiore, il Daytona ha saputo interpretare il suo ruolo in ambito orologiero vestendo materiali e stili diversi, naturalmente senza mai perdere la propria vocazione sportiva e la propria identità.

Neppure quando si è “vestito” di pietre preziose! E neppure quando l’incastonatura non si limita a essere la chiave di lettura di singoli dettagli ma diventa un codice interpretativo dell’orologio nel suo insieme: esattamente come nell’esemplare “Rainbow”, che appartiene alla collezione presentata nel corso di Baselworld 2018.

L’orologio è realizzato in oro Everose 18 carati, con 56 diamanti taglio brillante incastonati sulle anse e sulle protezioni della corona; ma a catturare lo sguardo è la lunetta, che al posto della tradizionale scala tachimetrica mostra uno spettacolare degrade di zaffiri che riproduce i colori dell’arcobaleno. Gli stessi colori sono ripetuti sul quadrante, in 10 zaffiri che segnano le ore, sfumando dalle tonalità dei rossi, dei gialli, dei verdi, dei blu, fino al viola.

La laccatura nera del fondo contribuisce a evidenziare i colori isolandoli dal contorno; stessa evidenza per le lancette in oro rosa con trattamento Chromalight e, soprattutto, per i tre contatori – minuti e ore cronografici, secondi continui -, realizzati in Gold Crystals rosa 18 carati, un materiale ottenuto mediante cristallizzazione di una lega di oro rosa; tale procedimento, messo a punto all’interno dei laboratori Rolex, permette di ottenere un effetto particolarmente luminoso, analogo, appunto, a quello che si ottiene con i cristalli.

Tutto ciò racconta senza dubbio un aspetto interessante della tradizione Rolex, che va oltre le …
 
Vuoi continuare a leggere quest’articolo?Abbonati a Orologi.it!
 
ACQUISTA ONLINE IL NUMERO 321/NOVEMBRE 2018