Dal 15 al 19 gennaio si è svolta a Ginevra la 28° edizione del Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra, una manifestazione cresciuta in maniera significativa negli ultimi anni grazie soprattutto a un notevole aumento del numero degli espositori – 35 quest’anno, tra grandi marche e brand indipendenti -, tanto da configurarsi come una vetrina assolutamente privilegiata dell’orologeria contemporanea. Lo dimostrano chiaramente anche le cifre, in crescita rispetto all’edizione precedente, con circa 20.000 visitatori e 1.500 rappresentanti dei media accreditati. Su orologi.it una rassegna completa delle principali novità svelate durante il Salone.

La lancetta del barometro che indica l’alta o la bassa pressione del mercato dell’orologeria volge finalmente al bello, almeno in questa direzione si è mossa quella del SIHH, il Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra che il 19 gennaio scorso si è concluso dopo 5 giorni di apertura.

La rassegna, giunta alla 28° edizione, ha visto la partecipazione di 35 Maison – lo scorso anno erano 30 -, suddivise più o meno egualmente in grandi e piccole, dove piccole, però, sta solo per dimensioni aziendali e non certo per qualità o innovazione dei prodotti. Con gli spazi ingranditi del 20% per far posto ai nuovi arrivati, la scorsa edizione del SIHH ha anche curiosamente registrato lo stesso aumento percentuale per quanto riguarda il numero delle presenze, suddivise tra operatori economici, giornalisti del settore e visitatori – nell’ultimo giorno, infatti, il Salone era aperto al pubblico -, senza contare i 400mila post e i contatti che hanno raggiunto 288 milioni di persone.

Più che le cifre, tuttavia, è più utile per gli appassionati conoscere le novità, che sono state numerose – alcune, finalmente, davvero molto interessanti – e che come sempre si dividono sommariamente in due categorie: gli orologi – a volte ancora allo stadio di concept – fatti allo scopo di stupire, oppure di mostrare le proprie capacità di innovazione in fatto di materiali e complessità meccanica, e gli orologi che invece sono tutta realtà e concretezza.

Vuoi continuare a leggere l’articolo REPORTAGE: IL SALONE INTERNAZIONALE DELL’ALTA OROLOGERIA DI GINEVRA?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA TUA COPIA DIGITALE DELLA RIVISTA