di Anna Rita Romani

Da sempre orologi a forte impatto tecnologico, i Seiko Astron GPS Solar si presentano in una nuova veste, con cassa e bracciale in titanio.

Nel 2019 è stato scelto per festeggiare il 50° anniversario del primo orologio con movimento al quarzo introdotto sul mercato dalla Casa nipponica: quel Seiko Quartz Astron che dal dicembre 1969 aveva suscitato non poco scalpore, naturalmente per la sua carica innovativa legata alla tecnologia del quarzo, con l’inevitabile dibattito legato ai suoi vantaggi in termini di precisione, accostati però all’inizio – in maniera che oggi, dopo 50 anni di ricerche ed evoluzione, possiamo giudicare assolutamente sorprendente – ad alcuni limiti evidenti, primo fra tutti quello del prezzo, inizialmente davvero elevato! Forte di questo retaggio, l’Astron GPS Solar Dual-Time 5×53 – questo il nome completo del modello lanciato lo scorso anno – presentava un design chiaramente ispirato al celebre antenato, ma con caratteristiche assolutamente contemporanee e contenuti capaci di esprimere i più recenti avanzamenti della tecnica messi a punto presso i laboratori della Seiko Watch Corporation. Prima fra tutte la tecnologia GPS Solar, autentica specialità dei modelli Astron dal 2012 e fiore all’occhiello della ricerca Seiko negli ambiti, assolutamente strategici, della precisione di marcia e della ricarica energetica. Design e caratteristiche sostanzialmente confermati nei nuovissimi Astron Sport GPS Solar 5×53 Dual- Time in arrivo esattamente in queste settimane sul mercato, presso le boutique Seiko e i rivenditori autorizzati di tutto il mondo: tre modelli con cassa e bracciale in titanio, che dalle specifiche tecniche di questo metallo derivano le loro doti di leggerezza, unite ad una particolare robustezza e ad un’apprezzata resistenza ai graffi. Orologi facili da indossare, dunque, indipendentemente dalle loro dimensioni e dalle diverse situazioni e stili di vita; compreso uno stile di vita spiccatamente sportivo comprendente le attività subacquee, considerando che siamo in presenza di orologi con un’impermeabilità garantita fino a 20 atmosfere, pari a circa 200 metri. Decisamente un salto di qualità rispetto ai modelli 2019, a loro volta impermeabili fino a 100 metri, dai quali si distinguono ulteriormente per alcuni dettagli riguardanti la cassa e il quadrante: tra tutti, l’adozione di robusti pulsanti di forma allungata disposti a seguire l’orientamento della …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?
ABBONATI ALLA RIVISTA

Vuoi leggere la rivista online? Sottoscrivi l’abbonamento digitale!
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA