L’ Aquaracer Professional 300 è un orologio di nuova generazione, sportivo e grintoso ma anche raffinato ed elegante, oltre che funzionale. Impermeabile fino a 300 metri, è indirizzato agli amanti del diving e ai professionisti della subacquea, ma allo stesso tempo è rivolto anche a chi non pratica immersioni o necessariamente sport acquatici, ma ricerca per il proprio tempo libero, o per un uso disinvolto nel quotidiano, un segnatempo solido, preciso e affidabile, qualità ampiamente garantite da questo tipo di strumenti professionali concepiti per resistere anche alle situazioni più estreme.

Uno stile versatile, dinamico e fortemente contemporaneo, dunque, per l’Aquaracer Professional 300 che però prende la sua ispirazione da uno storico modello Heuer. Correva infatti l’anno 1978 quando, senza abbandonare i suoi rinomati cronografi profondamente radicati nel settore automobilistico, la Casa svizzera – che ancora si chiamava solo Heuer: il prefisso TAG arriverà nel 1985 dopo l’acquisizione da parte del Gruppo Techniques d’Avant Garde – provava la strada della subacquea “fine a se stessa”, ovvero senza altre implicazioni/complicazioni, un ambito fino ad allora se non proprio trascurato certo non prevalente. Nasceva così l’Heuer Ref. 844, un modello automatico impermeabile fino a 200 metri con cassa in acciaio di 42 millimetri che molto successo riscosse anche tra gli addetti ai lavori e gli esperti del settore: e con il suo particolare quadrante nero con scala 24 ore di colore rosso, gli indici e le lancette luminescenti ad alta visibilità e la ghiera girevole unidirezionale con scala sessagesimale per il calcolo dei tempi di immersione, è tuttora un modello molto ambito dai collezionisti. Da segnalare però che già prima del fatidico 1978 qualche coinvolgimento nel settore da parte di Heuer c’era stato. A partire dal 1895, quando i figli del capostipite – Edouard Heuer, fondatore della “ditta” a Saint-Imier nel 1860 e morto nel 1892 – brevettarono una delle prime casse impermeabili per orologi da tasca, mentre è del 1950 la presentazione del Mareograph, primo cronografo al mondo con quadrante da regata e indicatore delle maree, e del 1972 il lancio dell’automatico Autavia 11630P, primo cronografo firmato Heuer che oltre alle altre funzioni era anche impermeabile fino a 100 metri. Poi, ovviamente, nei 43 anni successivi al 1978 vari modelli subacquei si sono succeduti; modelli per lo più al quarzo, tra i quali ricordiamo il Night Diver, impermeabile fino a 200 metri, e il Diver 1000M, primo orologio della Casa impermeabile fino a 1.000 metri. Deriva direttamente dalla Serie 2000 del 1983, invece, la collezione Aquaracer e i suoi segnatempo automatici o al quarzo declinati in moltissime varianti, con un’ultima versione nel 2015 dalla quale discendono direttamente gli Aquaracer Professional 300, a loro volta ispirati come abbiamo detto al modello del 1978.

Per tutti i quadranti,
fosforescenza verde per gli indici
e la lancetta delle ore e
fosforescenza blu per la sfera
dei minuti e il triangolino sulla
ghiera al 12. Solo il modello in
titanio con quadrante verde è
munito di luminescenza (blu)
anche per quanto riguarda la
scala sessagesimale della ghiera.

E nel loro aspetto è immediatamente percepibile un certo “family feeling”, grazie all’emblematica ghiera girevole unidirezionale con bordo sagomato in 12 lati il cui stile geometrico funge da filo conduttore per tutto il design generale. Rispetto infatti alla collezione del 2015 i nuovi modelli riprendono, rivisitandoli, molti degli elementi fondamentali per un subacqueo, a partire proprio dalla ghiera che ora ha un inserto in ceramica graduata, nonché una serie di incisioni sul bordo per facilitarne la presa; inoltre, è stato riprogettato il meccanismo di rotazione in modo da renderlo più pratico e silenzioso. Abbiamo poi la corona a vite con doppia guarnizione divenuta anch’essa dodecagonale e con spallette di protezione più avvolgenti, un omaggio diretto alla Ref. 844 del 1978. Sempre sulla scia del design geometrico, il quadrante ospita nuovi indici ottagonali; quadrante il cui trattamento luminescente è ottimizzato: per poter infatti distinguere meglio le lancette, quella delle ore è più ampia e ha la stessa fosforescenza verde degli indici, mentre quella dei minuti è più sottile, con fosforescenza blu come il triangolino sulla ghiera al 12. Inoltre, il cristallo zaffiro piatto antiriflesso reca internamente una lente magnificatrice in corrispondenza del datario al 6. Infine, la consueta fibbia del bracciale metallico con doppio pulsante di sicurezza supporta un nuovo sistema di estensione altamente sofisticato, in grado di aumentare o ridurre la lunghezza fino a 1,5 cm.

Bracciale che ora risulta più affusolato, così come più sottile si presenta la cassa, che è anche più leggera, con anse più corte per una maggiore vestibilità e fondello a vite in acciaio pieno personalizzato con l’immagine di un palombaro inaugurata su un modello del 2004 e ora ripresa e aggiornata secondo l’imperante stile geometrico, e dunque collocata su uno sfondo con pattern esagonale. Numerosi i modelli che compongono la collezione Aquaracer Professional 300, tutti animati dal movimento a carica automatica Calibro 5 con 25 rubini, 28.800 alternanze/ora (4 Hz), correzione rapida della data, autonomia di marcia fino a 38 ore. Le referenze “base” sono sette, declinate in due misure di diametro: quattro maschili da 43 millimetri e tre femminili da 36 millimetri. Per tutte, cassa in acciaio lucido/satinato con quadrante blu, nero o argentato, a esclusione di un esemplare maschile in titanio sabbiato grado 2 con quadrante verde: e solo per questo modello la scala dei minuti riportata sulla ghiera è luminescente (a emissione blu). Tutti i quadranti sono inoltre incisi: quelli maschili soleil con un motivo a linee orizzontali ripreso dalla collezione del 2015; quelli femminili laccati con un motivo a onde introdotto nel 2019. E segnaliamo che il modello femminile con quadrante blu è impreziosito da 8 diamanti VS agli indici (0,078 carati).

Tutti i componenti della collezione “base” sono disponibili dal mese di giugno. Arriverà invece il prossimo settembre l’Aquaracer Professional 300 43 mm Tribute to Ref. 844 Limited Edition, un’edizione speciale con cassa in titanio grado 5 lucida/satinata e limitata a 844 esemplari, come la referenza del subacqueo del 1978 che intende omaggiare. Animato dal Calibre 5, presenta numerosi elementi che rimandano al modello storico, come il quadrante nero opalino sabbiato che riprende l’iconica scala 24 ore rossa, il SuperLumiNova® vintage di colore beige e il cinturino nero in caucciù traforato in modo che l’acqua possa scorrere via più rapidamente: anche in questo caso, però, fa capolino il design geometrico con i fori dal contorno ottagonale.

 

L’articolo è pubblicato su Orologi, le misure del tempo “Speciale Subacquei”

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?
ABBONATI ALLA RIVISTA

Vuoi leggere la rivista online? Sottoscrivi l’abbonamento digitale!
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA