NEL NUOVO TAG HEUER CONNECTED WATCH ELEGANZA E TECNOLOGIA DIALOGANO INSIEME PER UN’ESPERIENZA DIGITALE ALL’AVANGUARDIA, PROGETTATA SU MISURA E ORIENTATA ALLE PRESTAZIONI

Quello che spesso veniva etichettato come l’ennesimo accessorio da “nerd” è in realtà diventato, nel giro di pochi anni, un dispositivo completo e tecnologicamente avanzato di cui in tanti non riescono più a fare a meno. I dati di vendita non lasciano dubbi sull’ottimo momento di smartwatch e smart-band, costantemente in crescita negli ultimi 3-4 anni, come rilevano tutte le più importanti società di ricerche di mercato. E anche se la quota prevalente spetta alle prime cinque aziende mondiali in fatto di tecno- logia, la restante fetta è appannaggio, in una buona percentuale, delle aziende che da sempre si muovono nell’universo delle lancette. Insomma, oggi gli smartwatch non sono più prodotti esclusivamente dai super-giganti dell’hi-tech, ma rappresentano un trend in ascesa anche fra i marchi di orologeria.
Per chi non resiste al fascino dell’oggetto di prestigio, dello status symbol unito alla praticità della tecnologia, ecco quindi il nuovo Tag Heuer Connected Watch, terza generazione di orologi intelligenti firmati dall’azienda svizzera attiva nel settore degli smartwatch di lusso dal 2015 con il lancio di vari modelli, l’ultimo dei quali è il Connected Modular Golf del 2019. Si tratta di un orologio personalizzabile e particolarmente versatile: grazie al Wear OS by Google, infatti, c’è tutto il mondo Google al polso, e con la nuova app TAG Heuer Sports sono garantite esperienze sportive assicurate da un monitoraggio dettagliato per golf, corsa, ciclismo, camminata, fitness e altre attività e, tra i vari sensori, anche un GPS. Grande innovazione rispetto ai modelli precedenti, la presenza di un cardiofrequenzimetro, di una bussola, l’accelerometro e i sensori giroscopici per un allenamento di alto livello.
Frédéric Arnault, Chief Strategy e Digital Officer di TAG Heuer, che ha guidato questo ambizioso progetto fin dal suo esordio diciotto mesi fa, spiega che «l’orologio TAG Heuer Connected è stato progettato e realizzato con la stessa passione e attenzione ai dettagli dei nostri orologi meccanici. La navigazione è stata notevolmente perfezionata in modo che il prodotto sia il più intuitivo e facile da usare possibile, sia nella vita di tutti i giorni che durante le attività sportive. Un prodotto che rappresenta davvero il marchio e che aprirà la strada a una nuova era per TAG Heuer».
Tratto comune alle quattro versioni disponibili la cassa di 45 millimetri di diametro e 13,5 millimetri di spessore, realizzata in acciaio o titanio Ti2, che riprende il design caratteristico, i materiali e le finiture eleganti dei cronografi TAG Heuer tra cui le anse sfaccettate, le superfici lucide e satinate di diversi elementi, la lunetta graduata in ceramica nera o con trattamento PVD effetto acciaio, che nasconde l’antenna. La corona centrale rivestita di caucciù offre una seconda opzione per lo scorrimento delle informazioni sul display, ideale per l’utilizzo in movimento, ed è affiancata da due pulsanti operativi che assicurano collegamenti rapidi per l’apertura delle app, insieme alle funzioni di avvio, pausa, ripresa e reset. Il fondello è a vite, per un’impermeabilità fino a 5 atmosfere, e a corredo dell’orologio è previsto un bracciale in acciaio o un cinturino in caucciù traforato nero ma è disponibile un’ampia gamma di cinturini in caucciù di vari colori (oltre al nero anche il rosso, l’arancione o il kaki), o in pelle nera stampa coccodrillo, sempre con fibbia déployante, facilmente intercambiabili. Il nuovo Connected Watch è dotato di un display touch OLED a colori, con diametro di 1,39 pollici e risoluzione aumentata fino a 454 x 454 pixel, chiaro nelle indicazioni e con superficie interattiva, protetto da un vetro zaffiro resistente ai graffi. Processore Qualcomm Snapdragon Wear 3100 e …

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?Abbonati a Orologi.it!

ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA