Salvaguardare il proprio patrimonio implica un continuo aggiornamento per far sì che quella preziosa eredità possa continuare ad alimentare nuove idee, possibilmente – o forse necessariamente – migliori di quelle del passato. con questa visione vacheron constantin arricchisce la collezione traditionnelle, che rappresenta l’espressione moderna della grande tradizione orologiera ginevrina.

Essere la più antica manifattura orologiera, con un’attività ininterrotta di 260 anni, colloca Vacheron Constantin tra i nomi più autorevoli dell’orologeria svizzera, artefici di una grande tradizione e modello di riferimento per ideatori e costruttori di meccaniche più o meno complesse come per semplici ammiratori dell’arte delle lancette.

Perpetuare tale tradizione è dunque uno dei compiti che la Maison ginevrina ha fatto propri nel corso della sua storia, puntando costantemente sull’innovazione per raggiungere standard qualitativi via via costruiti sui progressi del passato e costantemente al passo con i tempi, in un dialogo sempre aperto tra passato e presente. Nasce da questa visione la collezione Traditionnelle, al cui interno trovano posto molteplici espressioni del savoir-faire della Manifattura ginevrina in una gamma di prodotti che va da semplici automatici solo tempo alle grandi complicazioni.

E proprio al top della gamma troviamo uno dei modelli più attuali della collezione, ovvero il Traditionnelle Tourbillon. L’orologio monta il nuovo calibro automatico 2160, primo movimento tourbillon a carica automatica sviluppato da Vacheron Constantin, che si distingue innanzitutto per il suo spessore particolarmente ridotto: 5,65 millimetri; tra le altre caratteristiche spiccano la riserva di carica di 80 ore, la frequenza relativamente bassa di 2,5 Hz, pari a 18.000 alternanze/ora, e la massa periferica in oro 22 carati.

Cuore del movimento è naturalmente il tourbillon …

 
Vuoi leggere tutto l’articolo? Abbonati a Orologi.it!
 
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA