Simbolo di creatività e di armonia, il colore arancione è protagonista indiscusso del più recente orologio in zaffiro realizzato nella Manifattura di Nyon. Un’altra prima mondiale, che si affida a un movimento tourbillon proposto per la prima volta in versione automatica

 

 

di Laura Murgia

Quello di Hublot è da sempre un progetto creativo incentrato su scelte dirompenti, secondo una visione produttiva ben sintetizzata dal motto essere “Primi, Unici e Differenti”. Un universo fatto di sfide ambiziose con l’intento di distinguersi nel proporre un’orologeria diversa e unica, che in soli quarant’anni di attività ha condotto il Marchio a ritagliarsi una posizione speciale nel mondo delle lancette. Gran parte di questa affermazione è da attribuire alla ferma volontà, insita nel DNA stesso della Manifattura, nel percorrere la strada della sperimentazione e guardare al futuro con audacia e originalità, in una continua ricerca d’eccellenza che, grazie al prezioso lavoro del team R&S interno, ha permesso alla Casa di divenire pioniera nell’elaborazione di materiali complessi. Una sintesi la cui realizzazione viene meravigliosamente espressa dal concetto rivoluzionario di “Arte della Fusione”, quella capacità di combinare assieme elementi diversi secondo una logica visionaria e ultramoderna, cui Hublot fa costantemente riferimento nella sua produzione. E che, nel caso del nuovo Big Bang Tourbillon Automatic Orange Sapphire, si concretizza in un doppio obiettivo in termini di innovazione e tradizione, sia per quanto concerne il materiale del segnatempo – lo zaffiro, per di più in una tonalità inedita e incredibilmente audace – sia per l’aspetto tecnico ed estetico del movimento, un calibro tourbillon caratterizzato da un’architettura rinnovata che fa bella mostra di sé attraverso la nitidezza degli elementi che lo compongono.

Giochi di trasparenze e colori

Trasparente, nero fumé, blu, rosso, giallo, e ora arancione, dal 2016 Hublot si è perfezionata nella lavorazione dello zaffiro creando una serie di tonalità esclusive per le sue casse. D’altronde, a partire dalla sua fondazione avvenuta nel 1980, la Manifattura ha anticipato i tempi dando prova di una visione avanguardista sempre più spiccata nella progettazione e nello sviluppo di materiali innovativi…

(la versione integrale dell’articolo è pubblicata su “Orologi – Le misure del tempo” #343, aprile 2021)

Vuoi leggere l’articolo nella versione integrale?
ABBONATI ALLA RIVISTA

Vuoi leggere la rivista online? Sottoscrivi l’abbonamento digitale!
ACQUISTA ONLINE LA RIVISTA

Sono solo 50, per tutto il mondo, gli esemplari del Big Bang Tourbillon Automatic Orange Sapphire. La nuova tonalità arancione è una prima mondiale e si aggiunge ai colori già previsti per le casse in vetro zaffiro realizzate da Hublot. Il suo prezzo è di 167.000,00 euro.

 

Dimensioni generose, con un diametro di 45 millimetri e uno spessore di 15,30 millimetri, consentono comunque di osservare attraverso le trasparenze dello zaffiro, come nel caso della carrure che lascia intravedere l’architettura del movimento.

 

Il calibro automatico MHUB6035 ha platina in rutenio antracite che contribuisce a esaltare l’appeal ultramoderno dell’orologio, mentre la presenza di tre ponti in zaffiro assicura all’insieme un aspetto leggero, quasi impalpabile.