La sostenibilità e il passaggio del sapere da maestro ad allievo

Rolex è sempre stato legato al mondo della cultura, dell’arte in tutte le sue sfaccettature, come partner delle più importanti manifestazioni. Non poteva quindi mancare alla Biennale di Venezia, a sostenere, per la quarta volta consecutiva, la Mostra Internazionale di Architettura in qualità di partner esclusivo e Orologio Ufficiale.

L’evento ha ospitato, nel tempo, l’esposizione dei lavori di maestri come Peter Zumthor, Gloria Cabral, di Sir David Chipperfield e Simon Kretz, solo per ricordarne alcuni.

In questa edizione 2021 ci saranno 61 partecipazioni nazionali ad animare gli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia, con 3 Paesi presenti per la prima volta alla Biennale Architettura: Grenada, Iraq e Repubblica dell’Uzbekistan​.

Partner esclusivo dell’evento dal 2014, il Padiglione Rolex, all’interno dei Giardini, ha un design che richiama la lunetta zigrinata, firma iconica del Marchio, a sottolineare quanto sia stretto il legame tra architettura e orologeria.

All’interno si può osservare il progetto di Mariam Kamara, originaria del Niger, allieva del celebre architetto ghanese-britannico Sir David Adjaye nell’ambito dell’iniziativa Rolex Maestro e Allievo. Questo programma investe nel futuro dell’architettura attraverso il sostegno ai giovani talenti. Mariam Kamara illustra il suo progetto di un nuovo centro culturale a Niamey, capitale del Niger, attraverso rendering, modelli in scala e video. Su invito di Hashim Sarkis, la giovane architetta presenterà anche un’installazione all’Arsenale nella sezione As Emerging Communities.

Il progetto, che ricorre a metodi di costruzione tradizionali, traduce due obiettivi chiave degli architetti come di Rolex: precisione e sostenibilità.

Il padiglione Rolex darà anche visibilità all’approccio ecologico adottato dagli architetti di Onsitestudio per la ristrutturazione della sede di Rolex Italia S.p.A., nel cuore di Milano. Attraverso l’intervento sulla luce e sugli spazi, e ricorrendo a materiali da costruzione sostenibili, l’edificio del XIX secolo è stato trasformato in una struttura contemporanea, mantenendo al contempo un legame tra passato e presente.

 

Rolex Maestro e Allievo

 Con questo speciale programma, Rolex si fa promotore dell’importante compito della trasmissione della conoscenza; onere e onore che i grandi Maestri hanno nei confronti delle nuove generazioni.

Anche l’architettura, fra le altre discipline, rientra in questo progetto, inaugurato nel 2002.

La cultura e l’arte che passano di mano in mano, in un programma di mentoring che vede affiancati giovani professionisti a grandi maestri.

Sono cinque le coppie maestro/allievo per il settore dell’architettura; i Maestri sono Álvaro Siza, Kazuyo Sejima, Peter Zumthor, Sir David Chipperfield e Sir David Adjaye.

Gli architetti consulenti che hanno partecipato alla selezione dei Maestri sono Alejandro Aravena, Tatiana Bilbao, Vishaan Chakrabati, Lord Norman Foster, Frank Gehry, Daniel Libeskind, Maya Lin, Ryue Nishizawa e Rafael Viñoly.                                    Fin dal 2002 la missione del progetto è stata l’impegno a favore della sostenibilità. Un tema di interesse mondiale, che Rolex ha sostenuto su più fronti, dalla produzione di orologi, alla commissione di edifici per le proprie attività a grandi firme del mondo dell’architettura.

La mostra

Sarà aperta al pubblico da sabato 22 maggio a domenica 21 novembre 2021, ai Giardini, all’Arsenale e a Forte Marghera, la 17. Mostra Internazionale di Architettura dal titolo How will we live together?, a cura di Hashim Sarkis e organizzata dalla Biennale di Venezia.

 

Sir David Adjaye e la sua allieva Mariam Kamara

visitano il Niger, dove ha sede lo studio di Kamara,

l’atelier Masōmī, a Niamey